Con il Lollapalooza di Chicago la band ha concluso il mini tour estivo iniziato il 10 Giugno scorso ad Atlantic City, dove Run for Cover ha fatto, a sorpresa, il suo debutto live.

Dopo le prime due date in madre patria, la band si è spostata in Europa per una serie di Festival nei Paesi scandinavi (il Tinderbox in Danimarca, il Provinssi in Finlandia e il Bråvalla in Svezia), intervallati dai primi concerti in assoluto in Grecia all’Ejekt Festival e in Serbia all’Exit Festival, assieme al ritorno in Spagna al Bilbao BBK Live.

Rob Loud

Ovviamente non poteva mancare un concerto in Regno Unito, dove, oltre alla già annunciata partecipazione al British Summer Time, la band ha fatto anche un set a sorpresa a Glastonbury, esattamente dieci anni dopo la loro ultima apparizione come headliner. Quello a Glastonbury è stato anche l’unico concerto, finora, in cui ha suonato anche Mark.

Tornata negli Stati Uniti, la band ha suonato tre concerti molto diversi: uno gratis praticamente sulla Strip di Las Vegas e trasmesso in parte al Jimmy Kimmel Live!, uno più ‘intimo’ a Milwaukee, e uno più grande come headliner al Lollapalooza.

Rob Loud
Debutti live

In questa serie di date sono stati presentati live i due singoli di lancio del nuovo album, Wonderful Wonderful. Come detto in apertura, Run for Cover è stata suonata la prima volta ad Atlantic City, dove Brandon ha accennato nuovamente al piano Have All the Songs Been Written?, canzone che farà parte dell’album e che era già stata suonata l’anno scorso con un testo leggermente diverso.

The Man ha dovuto aspettare la data al Tinderbox festival, ma da quel momento non ha mai più lasciato la setlist, a differenza di Run for Cover, che ha saltato tutte le date europee per poi ricomparire al mini concerto di Las Vegas.

Ritorni in setlist e cover

Anche se la setlist è rimasta più o meno la stessa degli ultimi anni, ovviamente non considerando i due concerti-evento per l’anniversario di Sam’s Town, hanno fatto la loro ricomparsa in qualche data This River Is Wild, This Is Your Life, Be Still e Under the Gun.

Una tradizione che invece è stata rispettata meno del previsto è quella delle mini cover in coda di A Dustland Fairytale. Solo al Lollapalooza, infatti, la band ha coverizzato una parte di Disarm degli Smashing Pumpkins e ha regalato al pubblico anche Starlight dei Muse, dopo che la band britannica ha dovuto interrompere il set la sera prima a causa del maltempo.

Il prossimo impegno live della band è per ora previsto a Londra il prossimo 11 Settembre, quando suoneranno al BBC Radio 1’s Live Lounge. Questo sarà solo uno degli impegni promozionali che vedranno coinvolti i Killers in previsione della pubblicazione di Wonderful Wonderful.

Tutte le setlist complete, assieme a foto e video, sono stati raccolti nelle singole pagine della sezione concerti.

Vai alla pagina

Condividi