Herald Sun [02-02-2009]

Il loro terzo album in studio, Day & Age, ha diviso i critici musicali, ma il frontman dei Killers, Brandon Flowers, spiega perché sassofono non sia una parolaccia.
Flowers vuole parlare del sax. Di molto sax.

Il terzo album dei The Killers, Day & Age, ha diviso i commentatori musicali sull’uso del sassofono – uno strumento che sembra essere bandito dalla musica pop dagli anni ’80 con gli Spandau Ballet.
La maggior parte delle recensioni su Day & Age si sono focalizzate su questo, e a Flowers non è andato giù. “La gente è ridicola su tutta questa attenzione che mette sul sax. Si sono comportati come bambini“, dice.
È uno strumento che divide, invece non dovrebbe esserlo. Non lo abbiamo usato in modo anormale o brutto, non esistono dei cattivi strumenti. È stato bello aggiungere quell’aroma“.
L’aggiunta del sax ha fatto una bella differenza per un bel gruppo di fan – la tribute band dei Killers, i Fillers. Il gruppo inglese fa così tanta attenzione ai dettagli che ha dovuto trovare un sassofonista per ricreare le canzoni di Day & Age.
Fanno le cose in modo perfetto“, dice Flowers, con approvazione.
Il batterista dei Killers, Ronnie Vannucci Jr, ha anche suonato con i Fillers l’anno scorso All These Things That I’ve Done – che si può vedere nel paradiso internettiano di Youtube.
Io non ero là, Ronnie è stato l’unico fortunato tra noi ad assistere ad un loro concerto“, dice Flowers. “È surreale“.
La vita di Brandon Flowers ha mostrato un livello di surrealismo alla Salvador Dalì da quando è uscito l’album di debutto della band, Hot Fuss del 2004, che li ha proiettati nella serie A della musica.
Flowers è passato dall’imparare canzoni degli Oasis alla chitarra ad avere Noel Gallagher che suona la sua All These Things That I’ve Done.
Chiunque dagli U2 ai Coldplay a Robbie Williams ha aggiunto il verso “I’ve got soul but I’m not a soldier” da All These Things nelle proprie canzoni dal vivo.
Sono usciti con i New Order, la band da cui hanno preso il nome, e dopo gli MTV Awards a Liverpool dell’anno scorso si sono aggiunti altri momenti surreali alla lista. Come quando Paul McCartney ha avvistato Flowers nel backstage per dargli una copia del suo ultimo album.
È difficile spiegare queste cose“, dice Flowers. “È così surreale che neanche noi sappiamo cosa fare se non guardarci tra di noi ed esclamare ‘figo’“.
McCartney ha sottolineato il fatto che il bassista dei Killers, Mark Stoermer, usava il suo basso Hofner Beatle mentre Flowers ha parlato della scelta del Beatle di inserire When You Were Young nella sua playlist in un programma radiofonico.
Ci ha spiegato perché gli piaceva quella canzone, quale altro miglior complimento potresti ricevere? Anche se non c’è il sax in When You Were Young, forse è per questo che l’ha scelta?
Gli MTV Awards hanno offerto a Flowers l’opportunità di depennare l’incontro con un altro suo eroe dalla lista; Ian McCullough degli Echo and the Bunnymen, influente band di Liverpool. Flowers ha cantato parte di Bring on the Dancing Horses dei Bunnymen durante l’esibizione di Human.
Sono un grande fan degli Echo and the Bunnymen e in più eravamo a Liverpool“, dice Flowers. “Tutti sanno che i Beatles sono di Liverpool, nessuno lo pensa per gli Echo and the Bunnymen. Stavamo parlando con Ian McCullough, è venuto con noi allo spettacolo, quindi è stata una sorta di piccolo tributo. Abbiamo parlato della possibilità di registrare Lips Like Sugar con lui la prossima volta che saremo a Liverpool“.
Alcuni pensano che sia uno sbaglio aver parlato delle nostre influenze ed esserci esposti così tanto“, aggiunge Flowers. “Non so, adesso è troppo tardi“.
Flowers è diventato amico di Elton John anni fa, e i suoi eroi da bambino, i Pet Shop Boys, hanno remixato il singolo Read My Mind.
L’anno scorso ha dovuto parlare di affari con loro quando ha convinto Elton John e Neil Tennant dei Pet Shop Boys a partecipare all’annuale canzone natalizia per beneficenza, Joseph, Better You Than Me.
Sanno entrambi benissimo chi sono“, Flowers dice riguardo la sessione di registrazione.
È una cosa che ho imparato. Spero di essere anch’io un giorno in grado si sapere chi sono, sto ancora cercando. Quando Neil cantava e ha scritto parte del testo era così Neil. Vedendo il tutto dal punto di vista di un esterno, riuscivo benissimo a capire quali fossero i suoi versi. Elton ha la voce, è così sicuro di se. È stato davvero bello“.
Flowers ha anche visto il suo nome vicino a quelli di N. Tennant e E. John nei crediti per il testo: “È stato davvero un bel momento“.
La collaborazione alza la posta in gioco per la canzone natalizia di quest’anno – “abbiamo promesso che finché esisteremo ne faremo una per ogni primo Dicembre, che è poi la Giornata Mondiale per la lotta contro l’AIDS“.
Lavorare con i suoi idoli è un tema ricorrente per Flowers, che passa da fan ad amico. I Duran Duran si sono portati i Killers sul palco quando hanno suonato nella città natale di Flowers, Las Vegas, l’anno scorso.
È stato esasperante ma li ascoltavamo quando abbiamo registrato Hot Fuss“, dice Flowers.
Il primo album è tosto, Planet Earth risalta sempre per me quindi è stato bello suonarla con loro. Stare così vicino a John Taylor e gli altri ragazzi è stato davvero bello. E poi sono ancora così in forma – ci danno speranza“.
Essere in forma è qualcosa che Flowers capisce essere importante per le rock star e i Killers seguono la politica di non essere fotografati durante i concerti. Danno ai giornali foto live solo dopo che Flowers ha selezionato gli scatti che gli vanno bene. Flowers non evita di spiegarne il motivo.
Tutti hanno un programma. Se ti piaccio è una cosa bella e probabilmente pubblicherai una bella foto. Se non ti piacciamo non lo farai. Ho visto persone fare entrambe queste cose. Le cose vanno così. Quindi perché non far pubblicare solo quelle che vengono meglio? È il mio motto. È il mio fotografo che le fa, le posso guardare e scegliere. Secondo me ha senso, non capisco perché per le altre persone non è così“.
È il peso della vanità, pubblicare solo foto approvate?
Credo di si, ma (come fotografo) ci sono cose che puoi fare ad una persona quando sta dando il meglio di se cantando sul palco. Puoi fare in modo che risulti divertente. Non credo che il mio non volere che le persone mi controllino mi renda più vanitoso di chiunque altro. Sono loro quelle che controllano di più se vogliono fare così“.
Ci sono state delle dicerie secondo cui fotografi esterni sono stati banditi dopo che Flowers ha visto una foto poco lusinghiera – aveva il doppio mento – su un giornale.
Non mi drogo“, dice Flowers del suo mitologico doppio mento. “Tendo a mangiare“.
Day & Age ha continuato l’impressionante tasso di lavoro dei Killers; un altro accenno di Flowers nei confronti delle sue band preferite come gli Smiths, che pubblicavano nuovo materiale ogni anno.
Ha senso“, dice Flowers sul battere il ferro quando è ancora caldo – in cinque anni la band ha pubblicato tre album in studio e una collezione di B-sides. “Mentre lo fai e hai il fuoco che ti brucia è bene continuare. Siamo davvero fortunati a trovarci in questa posizione. Se scriviamo buone canzoni non vedo alcun motivo per non pubblicarle“.
In Gran Bretagna, il Paese in cui i Killers hanno più successo, Day & Age ha debuttato al numero 1, al di sopra di Chinese Democracy dei Guns’N’Roses.
Ci meritivamo di batterli“, dice Flowers. “Non sono più quello che erano una volta. Noi siamo uniti, è il nostro decennio, la nostra era. Ce lo meritiamo“.
L’album è stato prodotto da Stuart Price, meglio conosciuto per aver guidato Confessions on a Dancefloor di Madonna.
Ronnie gli chiedeva ogni giorno di Madonna“, dice Flowers. “Ma lui è stato molto bravo a mantenere il suo onore“.
Dopo le ostentazioni Springsteen-iane di Sam’s Town, Price ha aiutato la band a riscoprire le loro radici elettroniche.
Si suppone che la musica rock faccia ballare le persone“, dice Flowers. “È divertente come a volte è vista in modo meno serio rispetto ad una canzone folk. Guarda i Clash, riuscivano a far sposare la musica rock con la disco e la dance“.
Sarà la formazione espansa che strizza un’occhio alla dance che visiterà l’Australia quando la band sarà headliner del V Festival in Aprile.
Flowers ama l’Australia (Spaceman, da Day & Age, è stata scritta qui durante l’ultimo tour), ma odia il viaggio perché ha una tremenda paura di volare – ha anche provato una terapia per farla passare.
Perth è così ventosa, ho veramente paura a volare fin là. Ma non c’è niente che ci possa fare. Ci ho provato. Ma ultimamente ho fatto dei bei voli…
La sua paura è così marcata che una volta ha rifiutato un passaggio su un jet privato – di Bono, che l’ha invitato a fare un salto sul loro mezzo di trasporto durante il Vertigo Tour.
Ah si“, Flowers riflette. “Mi pentirò per sempre di quella decisione“.

Fonte // heraldsun.com.au

Condividi