Qualche giorno fa i Killers avevano fatto rialzare le orecchie a tutti con messaggi sui loro social network che facevano intendere l’imminente uscita di un singolo natalizio.

Senza alcuna specifica oltre quella che doveva essere la data di uscita, il 18 Novembre, il titolo poteva appartenere sia al nuovo singolo natalizio, sia all’album-raccolta di tutte le canzoni pubblicate sin qui dalla band, già anticipato come possibile in alcune interviste da Brandon e Mark.

Grazie al fuso orario alcuni Paesi sono già entrati nel 18 Novembre e si è quindi scoperto che Don’t Waste Your Wishes è il titolo dell’albume che I’ll Be Home for Christmas è invece il titolo della canzone natalizia per quest’anno.

Questa la tracklist dell’album:

  • A Great Big Sled (feat. Toni Halliday)
  • Don’t Shoot Me Santa (feat. Ryan Pardey)
  • Joseph, Better You Than Me (feat. Elton John & Neil Tennant)
  • ¡Happy Birthday Guadalupe! (feat. Wild Light & Mariachi El Bronx)
  • Boots
  • The Cowboys’ Christmas Ball
  • I Feel It in My Bones (feat. Ryan Pardey)
  • Christmas in L.A. (feat. Dawes)
  • Joel the Lump of Coal (feat. Jimmy Kimmel)
  • Dirt Sledding (feat. Ryan Pardey & Richard Dreyfuss)
  • I’ll Be Home for Christmas (feat. Ned Humphrey Hansen)

Il singolo sarà disponibile in digitale esclusivamente attraverso iTunes/Apple Music, mentre un’edizione fisica limitata verrà messa in vendita il 9 Dicembre su a questo link, creato apposta per celebrare tutti i singoli natalizi.

vai alla pagina di don't waste your wishes

I’ll Be Home for Christmas è la cover di una canzone risalente agli anni ’40 e cantata da Bing Crosby, che trovò grande successo negli Stati Uniti visto il periodo di guerra e il fatto che molti soldati avrebbero voluto raggiungere i propri familiari a casa per Natale. La canzone vede il featuring di Ned Humphrey Hansen che, ascoltando la preview disponibile su iTunes New Zealand, dovrebbe essere il professore che Brandon ha avuto quando era alle elementari, e che ha spiegato alla classe il significato della canzone.

Grazie a Samantha Watson per l’aggiornamento.

Condividi