Rolling Stone [05-05-2020]

Prima di Imploding the Mirage, non avevano mai fatto un album senza il chitarrista fondatore Dave Keuning. Si è dimostrato essere molto più difficile di quanto avessero immaginato

Quando i Killers hanno iniziato a lavorare al loro nuovo album, Imploding the Mirage, avevano virtualmente tutto ciò di cui avevano bisogno: una dose di nuove canzoni, una pausa di sette mesi dal tour, e un grande studio in casa, protetto dall’esterno, a Park City, Utah, dove avrebbero potuto lavorare e vivere senza distrazioni. L’unica cosa mancante era il loro chitarrista, Dave Keuning.

Keuning ha dato vita alla band nel 2001, quando ha pubblicato un annuncio su un giornale di Las Vegas alla ricerca di un musicista locale con cui suonare. La prima canzone che ha scritto con Brandon Flowers, il futuro frontman dei Killers, dopo essersi incontrati è stata Mr. Brightside, ed ha poi giocato un ruolo fondamentale nella creazione di ogni album che hanno fatto da allora. Ma si è allontanato dal tour poco dopo la registrazione di Wonderful Wonderful, nel 2017, citando come causa alcuni fattori come la frustrazione creativa, e non suona con i Killers ormai da tre anni, anche se dicono che tecnicamente rimane un membro ufficiale. (Il bassista fondatore, Mark Stoermer, ha allo stesso modo diminuito il suo coinvolgimento nella band, ma continua a suonare a qualche concerto e le parti in studio.)

In tour i Killers sono riusciti a persistere assumendo nuove mani, ma registrare nuove canzoni è risultato essere una storia diversa. “Stavamo cercando di fare in modo che la band non sembrasse spaccata,” dice Flowers. “E cercando di suonare come i Killers. È come se stessimo facendo una versione banalizzata, quasi senza anima, della band.”

Più collaboratori portavano per riempire quel vuoto, peggio andava. Non vogliono nominare tutte le persone con cui hanno provato durante questo processo da loro definito “speed dating”, ma il produttore Jacknife Lee — con cui hanno lavorato per Wonderful Wonderful — è stato una di esse. “Stava cercando di farle suonare come se Dave fosse lì,” dice Ronnie Vannucci Jr., il batterista dei Killers. “Ci è sembrato un po’ disonesto.”

Dopo sei mesi di registrazione, non avevano niente di cui fossero felici. Poi sono arrivati il produttore Shawn Everett e Jonathan Rado del duo psichedelico-rock californiano Foxygen. “È stato un grande risveglio per noi,” dice Flowers. “Ci è piaciuto lavorare con loro, e ci hanno dato la carica per correggere il nostro percorso.”

Nello stesso periodo, il produttore Ariel Rechtshaid ha fatto sentire a Flowers alcuni pezzi dal nuovo album dei Vampire Weekend, Father of the Bride. “Ho capito che non potevo continuare sul percorso che stavo seguendo,” dice Flowers. “Mi ha fatto sentire come quando ho ascoltato Is This It [degli Strokes] per la prima volta. Ho pensato, ‘Cavoli, non posso andare avanti così svogliatamente. Se Ezra [Koenig] ci riesce, devo alzare un po’ la posta in gioco.’ Ero ispirato e geloso. Quelle due emozioni assieme hanno dato ossigeno al fuoco che avevo dentro.”

I Killers hanno deciso di cestinare quasi tutto quello che avevano fatto in Utah e hanno ricominciato daccapo nel loro studio a Las Vegas. Everett e Rado si sono uniti al progetto a tempo pieno, e le canzoni hanno iniziato ad arrivare più velocemente. Tuttavia l’assenza di Keuning rimaneva un fastidioso problema. Vannucci ricorda la registrazione di Caution, che sarebbe diventata il singolo di lancio del nuovo album: “Siamo arrivati al punto in cui abbiamo detto, ‘Ok, tempo di aggiungere qualche chitarra.’ E subito dopo, ‘Fanculo, Dave non c’è.’ Una sera stavamo mangiando cibo thailandese, eravamo un po’ incazzati, e ho detto scherzando, ‘Ok, chiameremo Lindsey Buckingham!’”

Caso vuole che la band condivida la stessa società pubblicitaria con l’ex chitarrista dei Fleetwood Mac, e il pomeriggio dopo, Buckingham arriva allo studio, chitarra in mano. “Ha fatto diventare quella canzone da 2D a 3D con la sua chitarra,” dice Vannucci. “Ha davvero capito subito la sensibilità musicale della canzone e quali colori aggiungerle.”

Quell’incontro ha deciso lo schema da seguire per il resto delle sessioni, dove chiunque, da Weyes Blood e K.D. Lang ad Adam Granduciel dei War on Drugs, si è unito al divertimento. “Il fascino di essere a Los Angeles è che siamo vicini a tutti,” aggiunge Vannucci. “Basta una semplice telefonata.”

La canzone Dying Breed è stata creata in collaborazione con il produttore Flood, con cui la band non lavorava da Sam’s Town, nel 2006. Flowers dice che ha aiutato a darle “un’atmosfera industriale” che gli piace: “Quello che adoro di Flood è che non si fa problemi ad eliminare qualcosa se non gli piace. Quello che le ha fatto è molto più estremo di quanto avremmo fatto noi, ma ha mantenuto lo spirito della canzone. Ha un cuore che ti prende davvero.”

La prima traccia, My Own Soul’s Warning, è stata scritta verso la fine delle sessioni, quando Flowers era preoccupato di non avere ancora un singolo e ha iniziato ad andare in panico. La canzone gli è arrivata in una scarica di ispirazione, ma ottenere il mix giusto si è rivelato un problema. “È una cocciuta stronza,” dice Flowers. “Siamo a quasi 90 mix, credo. Ma è la mia canzone preferita dell’album. Non vedo l’ora che le persone la ascoltino.”

Preso nel suo insieme, Imploding the Mirage ha quella sorta di vivace energia e ritornelli orecchiabili che ricordano i primi classici della band, anche se ognuno dei collaboratori ha portato il proprio tocco. “Molti momenti mi hanno ricordato la lavorazione del nostro primo album, quando ero sicuro che avrebbe connesso con le persone per il modo in cui ti fa sentire,” dice Flowers. “Mi sono sentito come quel ventenne, quasi come se stessi inventando qualcosa di nuovo.”

Ma i Killers non sono la stessa band che ha iniziato quasi 20 anni fa. Stoermer ha fatto un passo indietro nel 2016, qualche anno dopo un malfunzionamento dei fuochi d’artificio a Londra, che gli ha causato un problema all’udito; rimane vicino agli altri, e hanno in programma di suonare con lui in selezionate date future.

La situazione con Keuning, che l’anno scorso ha pubblicato un album solista, è diversa. “Tutto ciò che volevo era suonare la chitarra in una band di successo, ma ha avuto ripercussioni sotto diversi punti di vista,” ha detto nel 2019. “Mentalmente, fisicamente, fare la stessa cosa in continuazione… avevo bisogno di trovare un equilibrio nella mia vita.” Era anche seccato del suo ruolo nel processo creativo. “Stavo scrivendo tutte queste idee per le canzoni,” ha detto. “Ma finivano sempre alla base della pila. Così mi sono sentito che avrei potuto sfruttarle io direttamente. Ed è stato divertente rendermi conto di averne il completo controllo, dopo averne avuto molto poco con i Killers.”

Sia Flowers sia Vannucci dicono che la porta è aperta se mai se la sentisse di voler tornare a lavorare con loro. “Non voglio lavare i panni sporchi troppo pubblicamente, ma sono anni che non è una parte davvero produttiva di questa band,” dice Vannucci. “Ed è una rottura. Dobbiamo abituarci, e si spera che la situazione si appiani e troveremo un modo per andare avanti. Può tornare se è quello che vuole. La decisione è in mano sua.”

La band sta ancora mixando Imploding the Mirage, la cui data di pubblicazione del 29 Maggio è stata spostata a causa della pandemia di COVID-19. Sono assolutamente entusiasti all’idea che i fan lo ascoltino, anche se sono realisti sulle poche probabilità di avere una canzone alla radio — se riuscissero ad ottenere un successo di questo tipo, sarebbe il primo da Human del 2008. Nello stesso lasso di tempo, però, i Killers sono diventati una delle più popolari band rock dal vivo del pianeta, e sono regolarmente headliner negli stadi europei e riempiono arene in America.

Sono riusciti ad ottenere tutto ciò suonando incessantemente dal vivo, a volte più di 100 concerti all’anno e stando fermi per non più di qualche mese. “Ci sono molte città nel mondo e molte persone, e i fan continuano a venire,” dice Flowers. “Causa dipendenza. Per me è diventata una cosa più che catartica e più che entusiasmante. Fa parte della mia identità, e mi piace ancora migliorarmi. Lo amo.”

Stavolta quella strategia sarà più complicata: la band aveva in programma un grande tour estivo in Europa, seguito da un giro nelle arene americane, ma la chiusura delle sedi dei concerti a causa del COVID-19 ha costretto molte di quelle date a dover attendere. “È frustrante,” dice Flowers. “Ma ci sono cose più importanti che stanno succedendo. Quegli stadi saranno ancora lì nel 2021.”

Nel frattempo, il gruppo sta cercando di pensare a vie alternative di promuovere l’album da casa loro. Hanno già registrato una versione senza fronzoli di Caution per il Jimmy Kimmel Live dal bagno di Flowers, e stanno pensando ad altri eventi in streaming. “Stiamo iniziando a far rimbalzare qualche idea,” dice Flowers. “Credo che l’unica alternativa sarebbe fare un altro album.”

Fonte // Rolling Stone

Condividi