Q Magazine [07-2020]

Il frontman dei Killers si fa vivo dalla sua casa a Park City, Utah, dove è forse l’unica persona al mondo che sta facendo il binge-watch di Una Famiglia Americana

Data dell’intervista // 18 Aprile

I Killers erano in fase di completamento del loro sesto album, Imploding the Mirage, quando il mondo ha chiuso i battenti, e Brandon Flowers ha interrotto un tour promozionale per tornare a casa dalla sua famiglia a Park City. Da allora, il frontman sta finendo il ‘cocciuto’ album con sessioni di mixaggio via FaceTime. Mentre si dirige a ritirare la colazione da asporto per sé, sua moglie e i loro tre figli, ci dà un aggiornamento sull’album e un assaggio della quarantena con la famiglia Flowers.

Ciao Brandon, come stai?
Abbastanza bene. Qui sono le 10. Non va poi così male. Ho questo posto di fiducia che fa colazioni da asporto, e lo uso la maggior parte dei giorni. Sto aspettando il mio ordine.

Com’è stata la quarantena per te e la tua famiglia?
Cerchiamo di fare cose diverse. Facciamo qualche breve giro in macchina o passeggiata. Non mi sento completamente isolato o segregato. Qui c’è aria fresca è un bel paesaggio, quindi mi ritengo piuttosto fortunato.

In questo momento com’è una giornata tipo?
Beh, stiamo ancora mixando Imploding the Mirage, quindi durante il giorno ci sono un sacco di telefonate con diversi tecnici del mixaggio, ci sono Shawn Everett e Ariel Rechtshaid che lo stanno facendo a casa loro, quindi si ascolta via FaceTime e stiamo cercando di portare l’album oltre la linea di arrivo. E così facendo si arriva all’orario di cena delle 17.30 circa, quando decidiamo se mangeremo vegetariano o non-vegetariano quel giorno, perché stiamo cercando di stare metà mese senza carne, e poi dedichiamo un po’ di tempo alle scritture, circa 10 minuti e poi..guardiamo Una Famiglia Americana.

Una Famiglia Americana?!
Mia moglie non lo guarda ma io e i miei figli sì. Alcuni dei ricordi più belli della mia vita sono legati a quando guardavo la TV con mio padre, di solito Cin Cin e una serie intitolata Professione Pericolo, o Una Famiglia Americana o il Bob Newhart Show. Per ora ho mostrato loro solo Una Famiglia Americana, abbiamo appena finito la prima stagione.

Quante stagioni ci sono? Ce ne devono essere abbastanza per arrivare a quando avranno 40 anni.
Credo di sì, ce ne sono 10! È incredibile, ogni episodio dura quasi un’ora e va ancora alla grande. Ma diversifichiamo anche – ho mostrato loro Una Pazza Giornata di Vacanza la settimana scora ed è piaciuto molto.

È stato difficile cercare di finire l’album?
Stavamo per farlo e già era un album cocciuto da mixare quando tutto si è dovuto fermare. È stato un po’ complicato ma va bene, ce la caveremo. Alcune di queste canzoni saranno fantastiche dal vivo, per cui è un po’ inquietante finire qualcosa così promettente dal punto di vista live e non le potremo suonare in quel contesto per molto tempo. Dobbiamo pubblicarlo, sta arrivando.

Qual è una cosa positiva che ti rimarrà da tutta questa situazione?
Credo che sia: guarda le cose con la giusta prospettiva, cos’è davvero importante. Ti rendi conto, mentre tutto rallenta, che hai il tempo per pensare a questo. Scusa, è arrivato l’ordine della colazione. L’ha appena consegnato.

Cos’hai preso?
Uova. Sai gli australiani sono conosciuti per le loro colazioni, beh una coppia australiana che si è stabilita a Park City e ha aperto un posto che fa colazioni e pranzi, ed è davvero molto buono. I miei figli prendono uova strapazzate, uno di loro vuole un uovo sodo fritto, poi c’è sempre dell’avocado, pane con lievito naturale e roba simile. E poi ci dividiamo sempre un pezzo di pane di banana come piatto speciale.

Delizioso. Cosa c’è in programma oggi?
C’è l’evento di beneficenza sul Covid-19, Together At Home. Suoneremo Mr Brightside e Caution. Siamo io e Ron. Viviamo nella stessa cittadina e verifichiamo sempre tra di noi se siamo stati attenti e non abbiamo avuto interazioni con nessuno con cui non dovremmo, e così facciamo questi video ogni tanto quando ci viene chiesto.

Buona fortuna con l’evento e goditi la colazione.
Grazie, ciao.

Scelte da isolamento

MUSICA // Infidels di Bob Dylan. Dà una sensazione di gioia. Non mi sento molto pessimista, non è come voglio sentirmi. Anche il Greatest Hits di Howard Jones. È passato per Park City due mesi fa e sono riuscito a incontrarlo e mi ha dato questo album, così lo tengo in macchina. Quando avevo 13 o 14 anni e vivevo in Utah, è stato una grande parte della colonna sonora della mia adolescenza.

SCHERMO // Ogni tanto scegliamo un tema ma poi ci siamo bloccati su Chicago, perché abbiamo queste pizze in stile Chicago nel freezer. E così mangiamo le pizze e poi guardiamo un film ambientato a Chicago. Abbiamo guardato Una Pazza Gironata di Vacanza e National Lampoon’s Vacation, che sono entrambi ambientati lì. Devo uscire da Chicago! Mia moglie ha fatto le lasagne e ho mostrato Il Padrino ai miei figli. Il più piccolo si è addormentato presto, ma gli altri due sono rimasti svegli ed è piaciuto molto. La scena iniziale si svolge durante un ricevimento di matrimonio e stanno servendo lasagne, come noi, quindi è stato il piatto perfetto.

LIBRI // ho ricominciato a leggere Viaggio con Charley di John Steinbeck. Amo questo libro. Sembra come se avesse perso il legame con il suo Paese, aveva passato all’estero i dieci anni prima di scriverlo, in Francia e in Inghilterra, e voleva controllare come stava l’America. È bellissimo e profetico, lo amo.

PODCAST // una volta a settimana facciamo un giro in macchina e a mia moglie piacciono molto i podcast, così prende il controllo di quello che ascoltiamo. Ce n’è uno chiamato Stuff You Should Know (Cose Che Dovresti Sapere, ndt.). Ci sono due tipi che fanno una lezione su un argomento che hanno scelto. Può essere com’è si è sviluppata la Peste Nera o la fantastica storia delle bibite gassate. La rendono interessante – i ragazzi imparano qualcosa, e anche io.

RICETTA // Mi piace fare le grigliate. È una cosa che facciamo spesso in tour nei giorni liberi ma a volte lo faccio anche a casa. Non so come ma è stato soprannominato Mormon Chicken, non so neanche se sia una ricetta mormona, ma così lo chiamano tutti quelli della crew. Si prendono dei filetti di petto di pollo, poi servono circa 450 gr di 7Up o Sprite, una tazza di salsa di soia e altri 450 gr di un mix di erbe aromatiche italiane, e si lascia a marinare tutta la notte e poi si griglia. È una ricetta paradisiaca.

CONSIGLIO MIGLIORE DA ISOLAMENTO // Fare esercizio, in qualsiasi modo. Divento molto ansioso e agitato, noto che il mio umore comincia ad essere instabile, ma ogni volte che faccio un po’ di esercizio mi aiuta a tornare tranquillo.

Condividi