Las Vegas CityLife [02-08-2002]

Questo servizio è una collaborazione mensile con LvLocalMusicScene.com. Il gruppo del mese del sito – assieme ad un altro gruppo nascente ancora non pubblicizzato selezionato da CityLife – saranno protagonisti ogni mese, come mezzo per fare conoscere gruppi sia grandi sia piccoli.

I Killers sono saltati fuori dal nulla. Questo può spiegare perché una band che esiste da meno di un anno stia ottenendo tanta attenzione ultimamente. Diversamente da quasi tutte le altre band di Las Vegas, i quattro giovani che formano i Killers non hanno passato anni suonando nelle trincee locali. Non hanno creato una rete di relazioni con artisti simili. Non hanno avuto bisogno degli amici e delle band dei loro amici per rimpolpare il pubblico. I Killers hanno creato un brusio nel modo più raro possibile: hanno scritto ottime canzoni e guadagnato folle enormi con un rock’n’roll di vecchio stampo.

La sola cosa interessante è che nessuno di noi viene davvero dalla scena musicale di Las Vegas“, dice il bassista Dell Star. “Nessuno di noi ha realmente suonato con molte di queste band. È davvero la cosa più grande che ognuno di noi ha fatto“.

Formata da Star e il chitarrista Tavian Go lo scorso agosto, la band adesso conosciuta come The Killers è stata completata dal cantante/tastierista Brandon Flowers e il batterista Buss Bradley. Sebbene diversi per età e provenienza, il recente trapianto a Las Vegas (tranne che per Bradley) condivide un comune amore per la buona musica pop – dai Led Zeppelin agli Smiths. Arrivando dagli Stati più disparati del Paese – inclusi Missouri, Iowa e Utah – il quartetto ha scritto canzoni senza il marchio della musica troppo aggressiva di Las Vegas, e neppure del modello nu metal e dell’active rock. Quando è giunto il tempo di suonare nei club del posto, i Killers sono stati prenotati con band del tutto incompatibili (i gruppi indie rock con influenze pop inglesi sono una razza rara,soprattutto a Las Vegas), ma loro hanno avuto successo nonostante tutto.

Anche le persone a cui piace l’hip-hop piace la nostra musica“, dice Go. “E alcune delle persone a cui piace la nostra musica sono spuntate dal nulla, perché qui non c’è altro da vedere“.

Nella loro breve storia come gruppo, i The Killers hanno suonato in quasi ogni locale della città – il Boston, Junkyard Live, Crown & Anchor – e anche fatto un viaggio per suonare dal vivo a Los Angeles. La loro prospettiva nella scena di Las Vegas è relativamente fresca, ma i The Killers continuano a esprimere opinioni sorprendentemente simili a quelle di musicisti locali più stanchi.

Parte del problema con la scena musicale è rappresentato dalle band” dice Go. “L’altra parte è rappresentata dai posti in cui suonare, e l’altra ancora è dovuta al fatto che nessuno si presenta in quei posti“.

Centrata soprattutto su heavy-rap-rock testosteronico, groove-metal e emo-core, la scena musicale di Las Vegas spesso non ha tollerato diversità o comunità fuori dalla nicchia musicale di ogni band. I Killers, con la loro proposta glam influenzata da Bowie, riff orecchiabili e tastiere tintinnanti, cadono in qualche posto fuori da queste nicchie. Nella scena isolata di Las Vegas, questo separatismo può distruggere un gruppo o elevarlo oltre lo status quo. Finora i Killers sembrano mantenere le loro teste sopra la folla – e hanno il loro mirino regolato su obiettivi molto più alti.

Naturalmente vogliamo ottenere un contratto, registrare un album“, dice Flowers. “Penso che potremmo fare un magnifico album in questo momento“.

La band sembra fiduciosa circa la forza delle sue canzoni e appare pronta a raggiungere il prossimo livello. I demo sono lentamente stati spediti alle etichette discografiche, e la band vuole andare in tour per verificare le scene musicali limitrofe di Salt Lake City, Phoenix e Los Angeles. La mancanza di trasporti e di fondi decenti sta mantenendo i Killers ancora legati alla Città del Peccato, sulla quale la band ha sensazioni diverse.

Ci sono troppe persone che vogliono essere dure“, dice Go. “Non voglio fare nomi, ma ci sono molti gruppi che sono tutti come i Limp Bizkit. Anche la scena punk ha un atteggiamento davvero pessimo“.

Anche se questi lamenti arrivano tanto dai Killers quanto dalla gente che vive in città da molto, le loro critiche sono basate più su osservazioni che sull’esperienza. Questo tipo di prospettiva può aiutare a spiegare perché le band di Las Vegas non sembrano mai uscire dalle strade che si sono auto imposte. Forse non hanno problemi a essere franchi circa il lato basso della scena di Las Vegas, ma i Killers rimangono concentrati sul lato alto.

È divertente suonare“, dice Go. “Non vogliamo sembrare infelici. Ci divertiamo“.

Condividi