Baeble Music [10-12-2015]

Attore, regista, pittore…sono un sacco di ruoli da interpretare ma in realtà si tratta solo di un altro normale giorno nella vita lavorativa di Matthew Gray Gubler. Forse conoscerete Gubler per il ruolo del dottor Spencer Reid in Criminal Minds, la serie di crimini comportamentali giunta ormai all’undicesima stagione, e per ruoli nei film (500) Days of Summer ((500) Giorni Insieme, ndt.), Life After Beth (L’amore ad Ogni Costo, ndt.), e i film per bambini Alvin and the Chipmunks. Ma Gubler è anche regista. Oltre a dirigere molteplici episodi di Criminal Minds, ha anche diretto due video musicali natalizi per i Killers, “Don’t Shoot Me Santa” del 2007 e “Dirt Sledding” di quest’anno.

“I video musicali sono adatti alla creatività perchè non si è costretti da limiti narrativi, si può creare una storia se si vuole ma si possono anche avere solo bellissimi effetti visivi…Questo può anche far sorgere delle difficoltà perchè a volte se i video non hanno una storia alle spalle è come se qualcuno stesse lì a punzecchiarti in continuazione, il video diventa ripetitivo e dopo 20 secondi in pratica l’hai già visto tutto, ma mi piace la sfida; mi piacerebbe continuare a farli.”

Prima che la carriera di attore di Matthew Gray Gubler prendesse il via quando ha ottenuto un ruolo in Life Aquatic of Steve Zissou (Le Avventure Acquatiche di Steve Zissou, ndt.) di Wes Anderson, era semplicemente un ragazzo che studiava recitazione al Liceo a Las Vegas, nel Nevada…la città natale dei Killers.

“Conosco Ryan [Pardey – l’inteprete di Babbo Natale nel video] da sempre…e conoscevo Ronnie [Vanucci, Jr.] abbastanza bene; conoscevo Mark [Stoermer], e conoscevo Brandon [Flowers] di sfuggita. Ho incontrato David [Kuening] più tardi…hanno firmato il contratto con la loro casa discografica con cui sono ancora — credo sia la Island Records — lo stesso mese in cui ho avuto la parte nel film di Wes Anderson intitolato Le Avventure Acquatiche di Steve Zissou. E mi ricordo che è stata una situazione divertente; li ho visti ad un café e stavamo parlando di tutto quello che stava succedendo in quel periodo e un mese dopo ci siamo ritrovati a esclamare “Wow!”. Siamo andati ad una festa di Natale a casa di Brians e stavamo parlando con Ronnie su quanto fosse ironico che la stessa esatta settimana sia stata così fortunata per la nostra carriere. Sono onorato di avere questi paralleli con loro, comunque. Li adoro.”

E le impronte formative di Wes Anderson sono visibili dappertutto nel video per “Dirt Sledding”, che ha lo stile visuale piacevole e distintivo — Gubler mettere in risalto quanto la sensazione di “fatto in casa” sia stata importante per lui come regista durante la nostra chiacchierata — che tutti quelli che si sono innamorati di Rushmore o The Royal Tenenbaums (I Tenenbaums, ndt.) o The Grand Budapest Hotel risconosceranno subito. Prima che Gubler ottenesse il ruolo in Le Avventure Acquatiche di Steve Zissou, è stato uno stagista di Anderson e si ricorda con piacere del ruolo che Wes ha avuto nell’aiutarlo a formarlo come regista.

“Wes è sempre stato — sin dalla prima volta che ho visto Bottle Rocket (Un Colpo Da Dilettanti, ndt.) — uno dei miei 3 registi preferiti e quello che mi piace di lui è che crea mondi unici, rivestiti di così tanta realtà che le parti più bizzarre non ti sopraffanno, ed è qualcosa che cerco sempre di ottenere anch’io…creare una sorta di dicotomia visuale…come l’idea di Babbo Natale che vive in un ambiente davvero ostile dove siamo soliti vedere cactus morti e polvere, ma aggiungere poi la colorazione più surreale e farlo venire fuori in un modo che nessuno si aspetterebbe, è questo che miravo ad ottenere. Wes è un regista molto meticoloso e ama avere il controllo totale di ogni piccolo dettaglio di una ripresa e io mi identifico completamente con lui.”

Ogni anno i Killers condividono un nuovo video natalizio i cui ricavati sono donati alle associazioni beneficihe sull’AIDS attraverso la comapgna di RED. Ed era chiaro che poter contribuire a questa iniziativa significava molto per Gubler, e anche fare la differenza come meglio poteva.

“È uno dei motivi per cui amo i Killers. Per 10 anni si sono impegnati a fare queste canzoni e questi video a favore di questa fantastica associazione di beneficenza e siamo fortunati ad essere degli artisti di successo a livello internazionale. Per cui se riusciamo a mettere assieme un gruppo di persone per un video e una canzone di beneficenza e a raccogliere molti soldi così come sitiamo facendo…non c’è nient’altro che potrebbe farti sentire meglio.”

Anche se Gubler ha girato questo video con i suoi amici ed è stato attento a non rendere nessun elemento nel processo delle riprese per “Dirt Sledding” complicato o difficoltoso, riconosce che si sono presentate delle sfide da superare.

“I fuochi d’artificio sono stati un po’ una sfida. C’era una scena in cui tutti tenevano in mano una candela romana, ed è una cosa che siamo tutti abituati a fare. Siamo tutti dei pazzi, e quando andiamo nel deserto, non è strano per noi tenere in mano candele romane. È molto pericoloso…Credo che abbiamo infranto qualsiasi regola di sicurezza immaginabile durante le riprese e proprio quando stavamo finendo, il cameraman ha urlato “Credo che abbiamo infranto qualsiasi possibile legge sulla sicurezza” e il ragazzo che interpretava la zucca ha detto che aveva un’altra idea, così ha accesso un fuoco d’artificio e ci è saltato sopra mentre bruciava. È triste che non sia finito nel video. È stato abbastanza pericoloso. Non c’è stato niente di difficile ma è stato comunque molto pericoloso.”

E se siete curiosi di sapere qual è il membro dei Killers più propenso a lasciarsi coinvolgere in bravate pericolose, Gubler ci assicura che è il frontman, Brandon Flowers.

“Dirt Sledding” è solo uno dei tanti progetti che Gubler ha completato quest’anno, e sembra che il 2016 sarà un altro anno impegnativo per l’artista che dice di dover sempre fare tre cose contemporaneamente, inclusi alcuni film che usciranno fra poco…oltre ai film, dirigerà e scriverà. Per cui se fate parte della Nazione Gubler, vi conviene tenere bene aperte le orecchie per tutto quello che ha in programma per il 2016.

Fonte // Baeble Music

Condividi