Presentato in anteprima su BBC Radio 1, con annessa breve intervista a Brandon, The Man è già disponibile in download e streaming a questo link (potete scegliere il servizio che preferite).

Durante l’intervista, alla richiesta di spiegare l’ispirazione sia dal punto di vista del testo che della musica, Brandon ha detto che è piuttosto funky ma che la linea di basso di Mark è molto presente, ed è una delle caratteristiche dei Killers.
Potete riascoltarla qui sotto.

Brandon è stato intervistato anche da un’altra radio inglese, Radio X, a cui ha spiegato che The Man si riferisce in parte a sè stesso più giovane, a quando sentiva di essere quasi un dono Dio alla musica, sensazione che è sfumata con il tempo, ma in cui è stato bello immedesimarsi di nuovo per capire chi è adesso.
Parlando della copertina, invece, ha confermato che si tratta di suo figlio più piccolo, Henry, che è stata un’idea di Anton Corbijn, e scherza sul fatto che ha cercato di spiegare ai suoi figli che questo tipo aveva fotografato anche David Bowie mentre a loro interessava solo avere una Root Beer Float (bevanda gassata popolare in Nord America, ndt.).

Condividi