Billboard Magazine [07-12-2002]

Penso che la nostra musica sia terribilmente sexy“, dice un sarcastico Ronnie Vannucci Jr, il batterista 26enne dei Killers. “Non stiamo davvero cercando di suonare in questo modo. Semplicemente viene così“.

In una città come Las Vegas, questi rocker locali non sembrano realizzare l’ironia nell’associare se stessi a una cultura dove il sesso occupa un importante mercato guidato da divinità societarie. Dopo tutto, questa è una città dove le molte varietà di locali di spogliarello sono diffuse come le incarnazioni del caffè offerte dall’ubiquitario Starbucks. Tuttavia il tipo di intrattenimento dei Killers è un’anomalia nella Città del Peccato. Non è forzato o impacchettato come sono molte delle altre attività extra-curricolari di Las Vegas. In una città dove il punk ha sempre raccolto le folle più grandi e il rock alla Limp Bizkit è quello a cui aspirano molte band locali, i Killers sono determinati a ritagliarsi la loro nicchia nella scena musicale. E la gente ne sta prendendo atto. Il gruppo di quattro soggetti che si ispira alla new wave – oltre a Vannucci, i Killers comprendono il cantante Brandon Flowers, il chitarrista Dave Keuning e Mark Stoermer al basso – sta suonando insieme da meno di un anno e deve ancora firmare per un contratto discografico. Eppure, il loro demo di tre canzoni è stato recensito in modo promettente dalla stampa locale, e, benché la prima performance live della band sia stata solo la primavera scorsa (2002), i Killers hanno rapidamente guadagnato una solida reputazione per i loro spettacoli live. Stile glitterato e ombretto che fa tanto David Bowie e Robert Smith, Vannucci dice dei suoi compagni “Siamo tutti dei buffoni. È ridicolo“.

Per quelli desiderosi di affibbiare un’etichetta ai Killers, è semplice gettarli nello stesso campo con band dal nome simile che suonano sporco rock’n’roll per le masse (i The Strokes, i The Vines, i The White Stripes, i The Hives). E nonostante i Killers abbiano in comune i riff sfocati di chitarra e una parte vocale grezza caratteristici della nuova scuola di garage rocker, il gruppo segue anche la direzione del glam-rock vigoroso alla T.Rex alla pari dell’influente garage-revivalist Mick Collins. “Siamo stati incasellati come coloro che suonano come il rock degli anni ’80, e io ti sto proprio per dare la risposta standard: questo è quello che c’era quando eravamo bambini. Questo è quello con cui siamo cresciuti“, dice il 21enne Flowers. “Siamo cresciuti con New Order, The Smiths, The Cure e Depeche Mode“.

Nonostante il rispetto e l’interesse ricevuti a Las Vegas, la musica dei Killers rimane largamente inascoltata da coloro che sono fuori dalla scena locale. “Non siamo spaventati di dire che siamo pronti a fare qualunque cosa serva – beh, comunque ragionevole – per fare in modo che la gente ci ami“, dice Vannucci. Ma il gruppo è paziente, preferisce concentrarsi nel produrre un demo di alta qualità per attrarre l’attenzione di qualche casa importante casa discografica che promuoversi come un’altra band del mese e nulla più. “Sappiamo che le mode del rock’n’roll vanno e vengono. Ecco come la vedo, se è dannatamente buono, allora durerà“, ragiona Vannucci. “Quello che stiamo facendo è suonare buona musica rock’n’roll, e credo sia solo questione di tempo prima che la gente si svegli e comprenda che c’è qualcosa qui (a Las Vegas) e che questo qualcosa deve essere ascoltato“.

Condividi