Q Magazine [01-2008]

Come vanno le cose per i ragazzi di Las Vegas dopo più di un anno in tour? Le barbe e baffi ci sono ancora, la poligamia è ancora fuori discussione, ed il chitarrista Dave Keuning deve ancora far reincarnare il suo gatto.

I Killers vorrebbero chiarire qualcosa su un pettegolezzo: “Non ho mai avuto un menage-a-troi con Ronnie Vannucci (batterista) ed un’altra ragazza” dice il capellone Dave Keuning con indignazione. “Vorrei chiarirlo subito. La gente si è inventata un sacco di cose, le nostre fidanzate leggono di storie pazzesche, sono stato accusato di cose mai accadute, tutto per colpa di pettegolezzi sul dannato internet“.
Con un secondo album di platino “Sam’s Town”, un tour mondiale di stadi e la partecipazione quale “headliners” di Glastonbury, il 2007 è stato un grande anno per i Killers. C’è poco da meravigliarsi che siano diventati materiale da rubriche di pettegolezzi.
È primo pomeriggio in un salubre hotel privo di groupie di New York nel Meatpacking District, Keuning ed in suoi compagni – il frontman Brandon Flowers, Vannucci ed il bassista Mark Stoermer – stanno lottando per venire a capo delle domande che gli sono state rivolte dai lettori di Q. Il più confuso è Stoermer, che accoglie ogni domanda con un’espressione di solito assunta da chi sente un cattivo odore.
Questa settimana, il quartetto di Las Vegas si trova nella costa Est per girare il video del loro prossimo singolo, Tranquilize, la recente collaborazione con Lou Reed, dalla raccolta di b-sides, cover e rarità Sawdust. Mentre siedono attorno al registratore di Q, un pubblico del Signore del Male di New York sembra preferibile all’essere torchiati dalle domande dei lettori di Q.
Ci pare di capire che queste domande saranno un po’ strane, giusto?” afferma nervosamente Brandon Flowers. Ma certamente…

Freddy Mercury, ZZ top, il tipo degli Sparks.. Chi ha la migliore barba e baffi nel mondo del rock?
Ronnie Vannucci: Non ho mai seguito gli Sparks ma mi piacevano i ZZ Top. Battono tutti gli altri in quanto a barbe e baffi!
Mark Stoermer: La nostra barba è dovuta più alla pigrizia che ad uno stile.
Dave Keuning: Non mi sono mai fatto coinvolgere, mi piace avere una faccia pulita. Non sono uno che segue le tendenze, sono padrone di me stesso, mi rado a giorni alterni.
Brandon Flowers: Barba e baffi sono usciti dal rock ormai. Io voto per il tizio dei Valient Thorr (una band di rock-psichedelico della Carolina del Nord). Il cantante ha una gran bella barba.

Brandon, i Mormoni sono famosi per la poligamia. Tua moglie è la prima di tante? Se così, posso essere la prossima?
BF: Posso passarla questa? La poligamia è stata bandita da oltre 100 anni. Il credo non è cambiato, è stata una decisione dettata dalle circostanze. Gli uomini venivano uccisi durante la guerra, avevano delle mogli e quindi tante donne rimanevano senza mariti. La poligamia è una nozione sorpassata.

The Bravery ed i Fall Out Boy: perché ti scagli contro delle band che sono più “scrocchia-zeppi” di te?
BF: Che cos’è uno scrocchiazeppi?? (Q spiega).. meno tosti ??.. Digli che la prossima band contro cui andremo a scagliarci saranno i Rammstein!
DK: Non i Queen of the Stone Age però, nessuno si immischia con Josh (Homme)
BF: È andata a finire che quelle dispute sono state di cattivo gusto per vari motivi (I Killers hanno accusato The Bravery di avergli rubato il sound; Pete Wentz dei Fall Out Boy ha scritto sul suo blog dei commenti denigranti su Brandon Flowers). Non ci abbiamo fatto una bella figura. Ci ha associato a delle band con cui non volevamo essere associati. Siamo andati oltre.

Brandon, hai mai indossato un abito e pensato “forse è un po’ troppo”?
BF: (ride) Si, recentemente ho indossato questo completo dorato ed i pantaloni lo hanno veramente esagerato. Erano dorati e non avevano le tasche sul didietro, sembravo un pattinatore artistico. Non l’avevo immaginato in quel modo, l’avevo fatto fare appositamente per i festival estivi ma da allora ho sostituito i pantaloni con un paio neri. Il tizio che li ha fatti è lo stesso che ha realizzato i vestiti dorati di Elvis. Eravamo andati a Graceland ed avevo visto una foto di Elvis con indosso un completo interamente d’oro. Poi lungo la hall ho visto una foto di Elvis con la giacca dorata ed i pantaloni neri. Penso abbia fatto la mia stessa scoperta. Era un vestito molto costoso, non ti dico quanto è costato.

Eri spaventato quando hai incontrato il vecchio scontroso con le palle Lou Reed?
DK: (ride) Vecchio scontroso con le palle, me ne ricorderò quando lo vedrò domani.
BF: Tendi ad essere rispettoso, è una paura rispettosa. Ci è voluto un giorno per rompere il ghiaccio con lui. Il secondo giorno di registrazione è stato di gran lunga migliore del primo – il primo giorno eravamo tutti imbalsamati. È divertente perché tutti si riferiscono a lui come Lou Reed e non Lou. Ricordo che qualcuno era entrato nello studio; potevano resistere nello studio con lui solo per 2 minuti. Se ne andavano dicendo “Lou Reed mi sta davvero spaventando”.
DK: (ride) Ha una sua aura emozionale. Gli abbiamo chiesto di lavorare a Tranquilize con noi, gli abbiamo mandato la canzone ed ha detto di si. È stato un vero onore, ma abbiamo imparato che se provi a chiedere, qualche volta funziona.

Tim Burton ha diretto il video di Bones. Tra i suoi, qual è il vostro film preferito?
MS: Ed Wood è il mio preferito. È stato strano lavorare con lui. Gli abbiamo chiesto di dirigere il nostro video e lui ha detto di si. È davvero una bella persona e credo che gli piaccia il nostro gruppo.
RV: Big Fish, mi ricorda mio padre.
BF: Non posso farci niente, amo Sleepy Hollow, è un gran film. Attendiamo con impazienza il suo nuovo film, Sweeney Todd.

Anche se parlava dell’America, il vostro ultimo album non è andato bene nella vostra patria come in Inghilterra. Perché?
MS: (risentito) Beh, ha guadagnato il disco di platino, non credo che molte band raggiungano questo obiettivo oggi e se fossi venuto ai nostri concerti avresti visto che erano tutti esauriti e la gente cantava le nostre canzoni. Devi essere disinformato.
RV: La gente è più eccitata in Inghilterra, è così, hanno un modo diverso di apprezzare la musica. I nostri primi tour sono stati in Inghilterra, ci sono molte delle nostre radici musicali lì. Le cose sono andate piuttosto bene per noi laggiù.

Due mie amiche donne vi hanno incontrato dopo un concerto in Inghilterra. Affermano che le avete cacciate dalla hall dell’albergo alle 23.00 perché volevate andate a dormire. Com’è la storia?
DK: Non è vero ! Prima di tutto quello scenario è impossibile perché probabilmente alle 23.00 stavamo ancora suonando da qualche parte. Le 23 non è per noi l’ora di andare a letto (ride). O questo, oppure non erano abbastanza carine, probabilmente non ci piaceva quello che vedevamo.

Avete fatto una cover dei Dire Straits.. da dove comincio?
RV: Abbiamo registrato Romeo & Juliet (su Sawdust) perché è una grande canzone – Brandon ne era veramente coinvolto, l’idea iniziale era di farne un duetto con Johnny Borrell ma (Brandon) si è ammalato e non è stato più possibile.
BF: (Johnny Borrell) mi ricorda molto Mark Knopfler.
RV: Gli ho detto di prendere le medicine e mangiare bene ma non lo ha fatto. Penso che ce la siamo cavata bene, ci teniamo sempre in contatto con le altre band che incontriamo in tour ma di solito ci limitiamo a “darci un cinque” o una pacca sul sedere perché siamo così impegnati.
BF: Non stiamo troppo in ansia per i Dire Straits e non ci vergogniamo nemmeno di aver fatto la cover di Romeo & Juliet. È una delle canzoni più belle, una melodia geniale.
DK: Io so fare il riff di Money for Nothing!

Se poteste andare a cena con qualcuno, vivo o morto, chi sarebbe e perché?
RV: Marilyn Monroe perché vorrei convincerla a non suicidarsi, o Jack Nicholson, penso sia uno dei migliori attori al mondo. Non penso sarebbe tanto tosto dal vivo quanto sullo schermo.
DK: Io vado per Robert Smith, credo che sarebbe un grande conversatore.
BF: Elvis. Sarebbe bello sedersi e mangiare uno dei meravigliosi pasti che tanto gli piacevano. Recentemente ho acquistato un libro di ricette di Elvis e mia moglie le preparerà. Per il prossimo album sarò un fusto di amore bruciante.

Chi di voi sta meglio vestito da donna?
BF: Abbiamo indossato dei vestiti da geisha nel video di Read My Mind. Era strano perché avevamo barba e baffi, Mark sembrava un samurai, Dave forse era quello che stava meglio perché non aveva la barba. Però non abbiamo mai indetto un concorso vero e proprio.

Brandon, lo noto solo io oppure alla batteria avete il tizio Earl della sitcom americana My Name is Earl?
BF: Ci sono stati dei momenti in cui addirittura gli amici di Jason Lee (l’attore che interpreta Earl) si rivolgevano a Ronnie pensando che fosse lui.
DK: Eh si, gli assomigliava proprio tanto, si notava alle cerimonie di premiazioni, la gente lo vedeva e lo chiamava con l’altro nome. I fotografi stupidi gli facevano le foto e noi dicevamo “Si, siamo amici di Jason Lee!”

Dave, recentemente hai tirato in ballo i Metallica in Q. Qual è la cosa più metal dei Killers?
DK: Tirato in ballo? oddio questi modi di dire Inglesi. Beh, la nostra canzone più metal è All the Pretty Faces su Sawdust, credo sia piuttosto metal, ma noi possiamo suonare tutti i generi musicali. (Q menziona la tendenza di Keuning ad indossare gilè in pelle) È una parte di quello che sono, quando sei in terza media/prima superiore ascolti AC/DC e Metallica ed ogni chitarrista che dice di non averli ascoltati è un fottuto bugiardo. Ho anche dei dischi dei Judas Priest, ascoltavo il loro disco (del 1988) Ram it Down nella mia auto.

Siete grandi fan della musica Inglese, ma cosa ne pensate della cucina Inglese?
RV: (ride) Forse 20 o 30 anni fa era solo pane e acqua, ora avete tutto, ci sono un sacco di carni di allevamento da far concorrenza agli Stati Uniti.
MS: Veramente a colazione ho mangiato fagioli, pomodori e funghi, è stato piacevole, in America non li trovi. E siamo dei grandi fan di Prêt a Manger.
RV: Speriamo di poter aprire la nostra filiale di Prêt a Manger qui in America.

Dave, l’ultima volta che hai parlato con un giornalista di Q hai detto che volevi far reincarnare la tua gatta. Come sta procedendo la cosa?
DK: Beh, amavo la mia gatta, non l’ho ancora fatta reincarnare e non sono sicuro se mai ci riuscirò. Come si chiamava…? Non rispondo a questa…
BF: (ride) Smokey.
DK: (sospira) Era una gatta grande, grigia ed amichevole, non ho ancora incontrato un essere più amichevole, punto! È morta il giorno del Ringraziamento del 1995 quando uno stronzo l’ha investita…

Brandon, il Morrissey Americano o il Neil Tennant Americano, quale vorresti essere?
DK: Oh andiamo, è una cosa idiota.
BF: Lo è (ride)? Non lo so, penso che io sia una combinazione, sono una parte di tutti e due. Il mio torso è più Morrissey e l’avambraccio è di Neil Tennant. Oh, è l’altro mio braccio è Robert Smith. È un amalgama in stile Terminator di gente diversa.
DK: Mi piacerebbe avere le mani di Hendrix. Sono piuttosto a mio agio con il mio corpo.

Eravate piuttosto silenziosi a Glastonbury 2007. Cosa è successo al suono?
MS: Non dipendeva da noi. Sembra ci siano dei limiti di decibel più per le band headliner che per le altre. C’è un tizio che vive sulla collina e si lamenta del rumore ogni anno. Abbiamo notato che l’atmosfera era piuttosto bassa per la folla di un festival Inglese, non abbiamo saputo il perché sino a dopo l’esibizione.
RV: Non era la migliore sensazione del mondo, quando suoni in quell’atmosfera è come suonare nel fango, come lo erano tutti gli altri!

Negli ultimi 2 anni avete fatto dei singoli per il Natale, perché?
BF: Ha avuto tutto inizio con una telefonata. Bono portava avanti la sua campagna per RED e ci ha chiesto se volevamo fare qualcosa. Abbiamo pensato che scrivere canzoni fosse la “nostra cosa” e siamo entrati nello spirito natalizio del “donare”. L’anno scorso è andata benissimo, quindi potrebbe diventare una tradizione.
DK: Vogliamo provare vari generi musicali, come Elvis. Faceva 3 o 4 album l’anno usando tutti quei generi diversi.
RV: Ci piace fare regali alle persone. Per un paio di anni ci hanno chiesto di fare della beneficenza mettendo i nostri nomi su degli abiti, non ci sembrava giusto, così abbiamo pensato fosse meglio incidere una canzone per una giusta causa.
MS: Il punto è essere un po’ “stucchevoli”, non vogliamo che siano presi troppo sul serio, è per divertimento.

Brandon, quale è stata la migliore mancia che tu abbia mai ricevuto quando a suo tempo lavoravi come fattorino in albergo?
BF: C’erano dei protettori che andavano spesso negli alberghi, ti promettevano delle laute mance mentre caricavi i bagagli nella loro auto; non lo facevano mai. Zingari e protettori: pessimi clienti per le mance.

Condividi