Skip to main content

Q [01-2010]

Oddio, riflettere sui grandi problemi di questo secolo ha fatto commuovere il mormone. Parliamo delle parti basse di Britney allora…

Come diavolo stai?
Sto bene, sono piuttosto “sano” al momento.

Qual è stata fino ad ora la cosa migliore di questo secolo?
Bruce Springsteen e la E Street band, annata 2004. È stato intenso, non diverso da quando scoprii gli Smiths. Diciamo che hanno immediatamente rafforzato le mie radici americane.

E la peggiore?
Scoprire quanto io sia stato critico con altre band e come è finita male la cosa. Sono stato onesto ma troppo negativo, e me ne pento. Sono contento di aver imparato a essere molto più ottimista e aperto mentalmente.

Il completo dorato, i baffi porno, le spalline piumate: qual è stata la tua dichiarazione di stile più favolosa?
Le spalline piumate. Quando mi metto quella giacca mi sento bene, forte… trionfante. È il vecchio cliché dell’indossare una maschera. Non so se riuscirei a cantare davanti a 70.000 persone ai festival senza le mie piume.

È vero che mandi la tua barba a Neil Tennant? (Nel 2006, Tennant aveva definito la versione irsuta di Flowers un modo per tentare di essere meno pop e essere preso sul serio)
Non gliel’ho ancora mandata ma la conservo, sì. Non ci crederesti se ti dicessi che ce n’è ancora pochissima, ci vuole un sacco di tempo. L’ho messa in un sacchetto per alimenti richiudibile. Appena abbiamo un paio di settimane di pausa dal tour, non mi rado, e alla fine quando mi faccio la barba metto tutto nella busta. Spero ci farà qualcosa di artistico quando gliela manderò. O potrebbe distruggere tutto con un solo tiro di sciacquone. Neil deciderà.

Descrivi com’è stato essere sul palco dopo i Brit Awards di quest’anno al concerto per War Child di Londra, quando tu, Bono, Gary Barlow e Chris Martin avete cantato assieme All These Things That I’ve Done…
È stato assurdo. Mi ricordo che ero seduto sul mio letto a scrivere All These Things That I’ve Done quando i Killers erano appena nati, ed ero ossessionato da All That You Can’t Leave Behind. Secondo me è il miglior album degli U2 e stavo facendo del mio meglio per scrivere qualcosa che fosse all’altezza. Quella sera per me si è chiuso un cerchio, abbiamo vinto tutti. E ovviamente, Neil Tennant era in tribuna che aspettava la sua busta.

Qual è stato l’evento culturalmente più importante di questa decade secondo te?
L’elezione di Barack Obama. Penso ai miei figli che cresceranno conoscendo solo un presidente di colore (Gli spuntano delle lacrime). Non riesco a spiegare il modo in cui quest’evento ha cambiato l’America. Per la gente di colore adesso c’è un senso di ottimismo che prima non c’era. Il razzismo c’è ancora, nonostante si voglia far credere che stiamo progredendo, ma è stato un bel salto.

Accidenti Flowers, hai le lacrime agli occhi.
È perché penso ai miei figli. Sono emozionato per loro. Avranno una prospettiva completamente nuova sulla gente, credo. E sul modo in cui ci vede il mondo.

Cosa ti ha sorpreso dell’essere marito e padre?
Ho sempre saputo che avrei avuto dei figli ma non capivo…che… whooooo (si commuove nuovamente)… che avrei amato così tanto i miei bambini. Non pensavo ci sarebbe stato così…tanto spazio per quello. Ami tua moglie, la tua famiglia, ma con i figli è diverso. Non sapevo di poter essere così altruista. Farei qualunque cosa per i miei bambini. Qualunque cosa. Penso che sia una cosa che provano tutti i genitori.

Qual è stato il momento più imbarazzante che hai vissuto?
Ad un concerto a Chicago, sono caduto e mi si sono strappati i pantaloni. Ero nella fase cowboy e i veri stivali da cowboy sono difficili da togliere. Mi hanno portato un altro paio di pantaloni e io ero lì, dietro a una tenda, con una persona per gamba che cercava di togliermi gli stivali. Avevo le mutande nere quindi per fortuna nessuno ha visto niente. Se non avessi avuto le mutande sarebbe stato un disastro. Un fenomeno di YouTube.

Recentemente hai detto “sono molto più sicuro della mia bellezza che della mia saggezza“. Quanto ti ritieni bello da 1 a 10?
Sono un buon 8, credo. (ridacchia) Sto diventando più virile, leggermente più robusto. In quanto a saggezza, direi che sono su un 6 e tre quarti, ma sto crescendo.

Puoi riassumere questo secolo in un tweet di 140 caratteri?
È stata una decade di consumismo: carte di credito, borse Louis Vuitton. Tutti avevano tutto ciò che potessero comprare ed erano ad un certo livello. E la cosa ci si è ritorta contro.

Fra 20 anni, quando ci sarà un revival del 2000, cosa verrà ricordato di più?
Cose tristi che hanno disintegrato la donna, come Britney che mostra le sue parti basse, cosa che tendono a fare le ragazzine oggi! L’esplosione della cultura della star è stata difficile per quelli come noi perché ha decretato la fine dell’elemento mistico.

Condividi