Ringraziamo Christian, che ha voluto condividere l’esperienza del concerto a Dublino del 22 Febbraio.
Ecco il suo racconto.

L’O2 era pienissimo, unica data nella Repubblica d’Irlanda.
Dopo l’esibizione degli Howling Bells e un’attesa di circa un’ora compaiono i Killers sul palco con luci ancora accese. L’effetto sorpresa è stato enorme. I 4 hanno iniziato la loro data di Dublino sulle note di Mr. Brightside. Il pubblico in delirio ha iniziato saltare e cantare. Subito dopo è stato il turno di The Way It Was e le luci si sono spente di colpo per regalare al pubblico uno splendido gioco di luci rosse.
Brandon era hyper, al settimo cielo e dopo aver salutato Dublino con ‘Conas ata tu?’ (irlandese per ‘Come stai?’) ha continuato a ripetere a più riprese ‘It’s nice to be home Dublin’. Dopo ha anche parlato di Las Vegas e ha rimarcato ironicamente le differenze tra il clima del Nevada e quello Irlandese e ha confessato di non aver mai visto del fango in vita sua prima di arrivare in Irlanda.
Il concerto ha visto l’esibizione dal vivo di brani per la maggior parte di Battle Born ma sono anche state eseguiti dei classici come Somebody Told Me, Jenny Was A Friend Of Mine, Spaceman, Human, e la splendida versione acustica di Prize Fighter al pianoforte a cui ha seguito attaccata Bling (Confession Of A King). I Killers hanno poi sorpreso con la loro versione di With Or Without You in omaggio al pubblico Irlandese.
Uno dei momenti piu intensi è stato quando è stata eseguita Runaways. Dopo le prime note Brandon ha subito fermato tutto e ha indicato un gruppo di ragazzi che stava facendo una rissa nel mezzo della standing area, ha guardato i coinvolti e ha chiesto d smetterla. Vedendo che i tipi continuavano nonostante la folla fischiasse, Brandon ha chiamato la sicurezza e ha chiesto che venissero sbattuti fuori. Ha poi aggiunto ‘La prossima volta se volete fare una rissa, vi mando già Ronnie e ve la vedete con lui’.
Altro momento divertente è stato quando Brandon ha affermato: ‘Questa sera i Killers vi portano a ballare’ e ha iniziato a cantare From Here On Out coinvolgendo il pubblico. Sono subito seguiti dei forti applausi.
L’encore è stato esplosivo nel vero senso della parola, tra una pioggia di fuoco per When You Where Young e fuochi artificiali per Battle Born. Brandon ha anche fatto un bagno di folla finale e si è poi congedato assieme agli altri. Concerto molto particolare, intenso, emozionante.

E queste sono alcune delle sue foto

Questo è un video della versione acustica al piano di Prize Fighter, suonata live per la prima volta proprio al concerto di Dublino.

Condividi