Skip to main content

The Daily Beast [31-03-2015]

Il frontman dei Killers si apre parlando del suo album solista di prossima uscita, The Desired Effect, della sua battaglia con l’alcol, e come crede che Mitt Romney “non è stato un grande ambasciatore” del Mormonismo.

Brandon Flowers è nel mezzo di una accalorata discussione. Se avete avuto il piacere di incontrare il placido ed incredibilmente pacato frontman dei Killers, questa è una situazione rara. La sua pubblicista sta facendo di tutto per fermarlo, muovendo le mani in aria, ma c’è qualcosa che ha toccato il tasto sbagliato.

“Quando ascolto una stazione radio rock a Las Vegas, non sento rock’n’roll,” dice, scuotendo la testa frustrato. “Non ne sento nemmeno dei fragmenti, ed è una cosa frustrante. Non faccio parte della band più rock’n’roll band del pianeta, ma si possono rintracciate quelle radici in ciò che facciamo, mentre io non riesco a sentirlo più alla radio. E non sento niente che sia buono. Non è per fare lo stronzo, ma non sento niente che sia buono.”

Fa una pausa per prendere un respiro. “Chiunque può andare nel proprio salotto, accendere il computer e pubblicare la musica online, senza aver guadagnato il diritto di essere dov’è. Questi ragazzetti che pubblicano album pieni di tastiere, mi fanno impazzire! Mi verrebbe da dire loro, ‘Conoscete i New Order? Li sentite? Perché la vostra musica non è come la loro! Tornate da dove siete venuti e mettetevi a lavorare sodo.’ È una cosa molto strana per me, eppure è pieno di musica così.”

L’artista new wave non ha finito qui. Dichiara che “non si dovrebbero mettere i nomi dei DJ sulle canzoni,” e fa riferimento alle sue passate esperienze con i DJ. Per anni, dice, numerosi DJ hanno cercato di contattarlo, seguendo varie strade, con la speranza di fargli cantare il ritornello di una delle loro canzoni dance—solo che le canzoni non sono loro, lo sono solo i beat. “Non scrivono nessuna delle loro canzoni!” dice incredulo. “Mi sono ritrovato al telefono con un tale in Norvegia che era il vero autore della canzone, e me l’ha spiegata per filo e per segno. È pazzesco.”

Ma Brandon Flowers scrive le proprie canzoni, grazie tante. Ne ha scritte 10 per il suo secondo album solista, The Desired Effect, in uscita il 19 Maggio. Variegato e spesso pieno di pezzi da cantare in coro, è un grande passo in avanti dalla precedente prova solista,Flamingo del 2010. Cacchio, l’orecchiabile primo singolo, “Can’t Deny My Love,” ha addirittura ricevuto l’approvazione di Lorde.

Siamo seduti al Club Room del Soho Grand Hotel di New York—un posto che si auto descrive come “la fusione dello stile della New York moderna e la gentilezza della vecchia New York,” ed è pieno di sedie di pelle e, sul muro, una gigantesca foto incorniciata di Sean Connery in una vasca, degli anni ’60 circa. Il cantante 33enne, al contrario, è magro, curato e assolutamente americano, quasi come un mite fratello minore di Jason Sudeikis (con il quale condivide origini lituane).

La sera precedente, Flowers è stato protagonista di una elettrizzante performance alla Webster Hall, che ha lasciato a bocca aperta il pubblico con un mix di canzoni nuove e classici dei Killers come “Mr. Brightside” e una versione riadattata di “Jenny Was a Friend of Mine.” E anche se Flowers di persona può sembrare un tipo molto “non mettermi in imbarazzo”, quasi alla Jimmy Stewart, sul palco si trasforma in un performer estremamente galvanizzato e gesticolante.

“Sai, ci è voluto un bel po’ di tempo,” dice riferendosi al suo comportamento sul palco. “Probabilmente sono arrivato a 1000 concerti adesso. Ho imparato a divertirmi sempre di più sul palco, e si è cominciato a vedere, e ti senti di aver meritato quel posto lassù. Ci sono persone che escono sul palco e si sentono subito a loro agio, a me ci è voluto di più per arrivare a quel punto.”

Quel viaggio ha avuto inizio a Henderson, Nevada. Flowers è il più giovane di sei fratelli e sorelle. “Puoi dimenticarti che una persona che stai ascoltando o una in un teatro hanno esperienze di vita vissuta,” dice. “Ho quattro sorelle che sono tutte molto più vecchie di me, per cui sono cresciuto vivendo tutte le esperienze che le persone comunque fanno—divorzi, e cose simili. Non sono situazioni che non conosco.”

Una delle esperienze che più gli ha cambiato la vita è stata la trasformazione di suo padre, Terry, da alcolizzato di terza generazione a padre amoroso—un cambiamento che lui attribuisce alla fede Mormona.

“Mio padre si è convertito al Mormonismo quando avevo 6 anni, e prima fumava e beveva. Suo padre era un alcolizzato, e il padre di suo padre era un alcolizzato, ed io ho assistito alla sua vita cambiare completamente,” dice Flowers. “Ha avuto un forte impatto su di me, e così crescendo e diventando adulto sono arrivato alla stessa conclusione, e cioè ‘Non so se voglio queste cose nel mio frigo, e non so se le voglio attorno a me.’ Mio padre è diventato una persona migliore quando ha smesso, quindi è stata una benedizione per me.”

Flowers aveva appena compiuto 22 anni quando i Killers sono diventati famosi con il loro singolo del 2003, “Mr. Brightside.” Con i primi assaggi della fama, Flowers ammette di essere caduto in alcune delle trappole che ne conseguono, fumando e bevendo regolarmente—a volte fino all’eccesso. “È una cosa così attraente quando si è giovani,” dice. “Si sentono tutte queste storie sulla mitologia del rock’n’roll, ed è tutto lì nel palmo della tua mano. È attraente. Non sono mai andato in un centro di disintossicazione o cose simili, ma bevevo e fumavo.”

Ha sposato la fidanzata di lunga data, Tana Mundkowsky, nell’Agosto del 2005, e i due hanno iniziato una famiglia poco dopo. Nel 2007 circa, con una moglie e un figlio in arrivo, ha deciso—come suo padre prima di lui—di dire addio all’alcol e alle sigarette e impegnarsi maggiormente alla vita da Mormone.

“Quando ho smesso di fumare e bere i concerti hanno iniziato istantaneamente a migliorare,” dice Flowers. “Cantavo meglio, il mio fiato durava di più e mi sentivo meglio. Questo è successo circa otto anni fa. E aver preso un’impegno nei confronti di mia moglie e della mia famiglia, non riesco a vedere il lato negativo in tutto ciò. Alcune persone in passato hanno vissuto il ‘sex, drugs, and rock’n’roll’ e sono diventate famose per questo, ma già da quando ero giovane sapevo che non avrebbe funzionato con me.”

Sulla sobrietà aggiunge, “Sei più te stesso, e più sano. Credo in Dio, per cui credo che è così che Lui volesse fossimo.”

Il Mormonismo, ovviamente, è diventato un argomento scottante durante la candidatura presidenziale di Mitt Romney nel 2012. C’erano non uno, ma due candidati presidenziale Mormoni (Romney e Jon Huntsman), l’inizio dello spettacolo teatrale di successo The Book of Mormon, ecc. I Killers hanno anche avuto un pranzo privato con Romney nel Febbraio del 2011. E ci sono molte celebrità di alto profilo che sono state cresciute Mormoni, ma hanno poi preso le distanze dalla fede, inclusi Ryan Gosling e Katherine Heigl.

“La ragazza con i capelli rossi, come si chiama? Amy Adams,” aggiunge Flowers. “Molti di loro ne parlano bene, ma nessuno la pratica più. Io ho percorso una strada diversa.”

E poiché Romney è un Mormone, la sua fede è stata presa di mira durante le stagione elettorale, quando molti si sono chiesti se una persona che crede nei principi del Mormonismo potesse conquistare l’Ufficio Ovale. Ma il fatto che Romney tendeva ad evitare le domande inerenti la sua religione ha lasciato a Flowers un forte amaro in bocca.

“È una cosa ancora molto incompresa. Ci sono strane dicerie in giro, e qualcuno dovrebbe fare luce sulla verità!” Flowers dice del Mormonismo. “Credo che anche Romney ammetterebbe di non esserne stato un grande ambasciatore. Le sue non erano grandi risposte, e ha peggiorato la situazione; sembrava come se stesse nascondendo qualcosa. Ma in realtà non c’è niente da nascondere. Si può trovare quello che si vuole sapere! È tutto disponibile alla luce del sole.”

Essendo moderatamente a conoscenza dei principi del Mormnismo, chiedo a Flowers quale sia la posizione della Chiesa dei Santi degli Ultimi giorni riguardo ai matrimoni omosessuali. Fa una pausa. “I Cattolici celebrano matrimoni omosessuali?” chiede, prendendosi un altro momento per ragionare sulla domanda. “Dubito che la nostra chiesa li celebrerà mai. Lo dubito proprio. Ma mi è sempre stato insegnato che tutti su questa terra sono miei fratelli e sorelle, quindi per chi guarda da fuori la prospettiva sembra molto peggio di quella che è realmente, ma non predichiamo la punizione del fuoco eterno.”

La Chiesa dei Santi degli Ultimi Giorni non permette nemmeno di bere, ma Flowers dice di aver avuto una sorta di “sfumatura ribelle.” Fortunatamente è riuscito a fare abbastanza baldoria durante l’adolescenza. Nonostante la famiglia si fosse trasferita nello Utah quando aveva 8 anni, appena Flowers ne ha compiuti 16 i suoi genitori lo hanno lasciato andare a Las Vegas a vivere con sua zia. Il motivo? “Il golf,” dice.

Il cugino di Flowers fa parte del PGA Tour e suo fratello è una bravo golfista, e così lui voleva diventare professionista. Ma gli inverni dello Utah non erano esattamente favorevoli ad una carriera da golfista, e così i suoi genitori lo hanno lasciato trasferirsi a Las Vegas dove poteva giocare tutto l’anno. Ha ottenuto lavoro in un corso di golf (“era quasi come il film Palla da Golf,” ricorda) e ha giocato per la squadra della sua scuola superiore. E lavorando in questo corso di golf ha conosciuto un tipo eccentrico di nome Trevor, che lo ha introdotto alla musica.

“Mi ha messo in testa l’idea di formare una band,” dice Flowers. “E poi la mia macchina con tutte le mazze da golf è stata rubata, e per me è stato un momento di transizione perché avevo appena iniziato a fare musica. È stato un bivio se così vogliamo definirlo, e non ho più ricomprato un nuovo set di mazze da golf. Sono finito a fare musica. Sono riconoscente a Trevor per questo.”

Adesso è il frontman di una delle band rock più grandi che ci sono in giro, i Killers, che hanno pubblicato quattro album in studio che hanno venduto più di 25 milioni di copie. E ha iniziato a registrare The Desired Effect la domenica del Super Bowl del 2014 ai Vox Studios di Los Angeles con Ariel Rechtshaid, che ha prodotto i Vampire Weekend e le Haim. Ci è voluto circa un anno per mettere assieme l’album, e Flowers dice che è stato influenzato dalla “dinamica tra uomo e donna mentre si invecchia, e dal non aver paura di affrontare questo argomento, e dalle responsabilità che ho di essere papà e marito, e del non essere preparato a ciò.”

Nonostante il suo recente impressionante album solista, Flowers insiste sul fatto che i Killers non sono finiti. “No, va tutto bene!” dice. “Questo album è nato dal loro desiderio di avere delle pause, non è un, ‘Hey ragazzi, voglio fare un album solista quindi trovatevi qualcosa da fare per i prossimi due anni.’ Sono loro a dire, ‘Vogliamo prenderci una pausa.’ Ho già fatto un album in passato, e poi abbiamo fatto Battle Born. Appena ho finito questo album, ho mandato un messaggio a Dave dicendo, ‘Hey, mandami del materiale!'”

Per quanto riguarda il matrimonio e la vita in famiglia di Flowers, dice che anche su quel fronte le cose vanno bene. “Sono davvero felice,” dice, con un sorriso a trentadue denti. “Suggerirei ad altri di seguire il mio percorso.”

Fonte // The Daily Beast

Condividi