The Sun [21-09-2017]

I Killers tornano e rivelano l’ispirazione alla base del nuovo album Wonderful Wonderful e la pressione di fare musica che resista nel tempo

Si può dire che il nuovo album dei Killers sia nato nei bagni dei camerini di un locale di Amsterdam.
È qui che, dopo un concerto degli U2, il frontman Brandon Flowers ha incontrato per la prima volta il produttore Garret “Jacknife” Lee, che ha poi prodotto il nuovo album in studio della band di Las Vegas, Wonderful Wonderful.
“Stavamo parlando. Ci stavamo studiando,” Flowers dice ridendo. “Aveva fatto How To Dismantle An Atomic Bomb con gli U2 e ci trovavamo ad una festa per quel tour in cui abbiamo fatto da supporter in alcuni concerti. E mi è piaciuto. Mi ricordava Bono e ha fatto delle belle cose con Taylor Swift, gli Snow Patrol e i REM, e quindi eravamo felici di lavorare con lui.”
È il mattino successivo al concerto alla Brixton Academy che incontro Flowers e il batterista Ronnie Vannucci Jr (che chiacchiera per un po’ prima di essere accompagnato a fare un’altra intervista).
Flowers è stanco ma cerca di non mostrarlo, sfoggiando il suo sorriso da star del cinema e dicendo “scusami” dopo ogni sbadiglio.
Il concerto della notte precedente ha ottenuto recensioni a 5 stelle dalla stampa.
Un concerto senza il chitarrista Dave Keuning e il bassista bassist Mark Stoermer, che si sono presi una pausa dal tour.

Sono stati rimpiazzati da Ted Sablay, amico di lunga data della band, Jake Blanton e il multi-strumentista Taylor Milne.
“È stato il concerto inaugurale per Ted e Taylor ma sono stati grandi,” dice Vannucci.
“La sfida è cercare di avere qualcuno che suona come Mark e come Dave. Si possono avvicinare ma non possono essere rimpiazzati.”
Il loro concerto a Brixton ha visto anche sul palco l’attore di The Hunger Games, Woody Harrelson, come ospite speciale. Si è unito a loro all’inizio di The Calling, una canzone dal nuovo album in cui partecipa.

“Avere avuto Woody con noi è stato figo,” dice Flowers. “Non è una cosa che ci si possa aspettare facilmente. È un grande uomo e un attore fenomenale. Si può vedere che è una persona molto alla mano in generale.”
Vannucci, 41, aggiunge: “È un tipo impegnato. In realtà ha registrato la parte per l’album mentre stava in camper in Italia. Adesso è qui a girare un film, così gli abbiamo detto che eravamo qui anche noi e gli abbiamo chiesto se voleva fare quella canzone dal vivo. E ha detto di sì.”

Il quinto album, Wonderful Wonderful, prova che i Killers sono tornati a quello che fanno meglio.
Scoppiettante indie pop ma sperimentale, grazie a Lee che li ha spinti fuori dalla zona di comfort in cui si erano adagiati.
Flowers, 36, dice: “Jacknife conosce bene quello che succede adesso nel mondo della musica. Conosce anche bene i Killers e sapeva che volevamo sperimentare.”

“Anche lo studio è uno strumento e lui è il mago. E sono meno testardo di un tempo nel non voler cambiare. Invece di puntare i piedi e non voler cambiare, ho preso la direzione opposta. Sono più disposto a vedere quello che le altre persone hanno da offrire o cercare cosa si ottiene girando questa manopola o schiacciando questo bottone in studio. Siamo su un aereo diverso con questo album. Abbiamo scoperto nuovi posti, ma questo album suona ancora come i Killers. Ci siamo veramente spinti ai limiti e c’è un po’ di evoluzione. Abbiamo provato qualcosa con gli accordi mai fatta prima.”

“A volte siamo rumorosi ma in canzoni come Rut e Some Kind of Love c’è compostezza. Non si era mai sentito prima in un album dei Killers. È un nuovo territorio. Siamo su un aereo diverso con questo album. Uno su cui non siamo saliti da molto tempo e ne sono entusiasta.”
Sono passati cinque anni da quando i Killers hanno pubblicato Battle Born, un album che adesso Flowers afferma non essere stato abbastanza buono come pensavano e “non ha retto l’esame del tempo che passa, secondo me”.
Ma da allora, Flowers ha pubblicato un secondo album solista — The Desired Effect del 2015.

Lo stesso anno, Vannucci ha pubblicato un secondo album — Straight In No Kissin’ — con la sua band dei Big Talk.
“Non è mai stata una questione di progetti fatti per vanità per me e Ronnie,” ammette Flowers.
“Noi vogliamo fare album dei Killers ma stavolta ci abbiamo messo di più. Adesso ne possiamo parlare più apertamente. Non siamo disonesti.”
Vannucci aggiunge: “All’inizio è stato difficile dato che ognuno in questa band ha un carattere e una personalità diversi. Il motivo per cui ci prendiamo queste pause è perché Dave e Mark vogliono del tempo. Io e Brandon siamo meno propensi a farlo.”

“Non dovrebbero sentirsi come se fossero buttati sotto un autobus perché volevano una pausa. Lavorano sodo e se è di questo che avevano bisogno, allora è di questo che hanno bisogno. Me ne sono fatto una ragione, dobbiamo affrontare la situazione ed essere rispettosi. Vedremo come sarà la tempistica per il prossimo album e se vorranno essere coinvolti, speriamo lo siano e che siano riposati in modo da poter iniziare subito un nuovo album.”
I Killers hanno venduto più di 22 milioni di album e ottenuto un grande successo con inni quali Mr Brightside, All These Things That I’ve Done, Somebody Told Me e Human.

Ma mentre lavoravano a Wonderful Wonderful, Flowers ha avuto un blocco dello scrittore, e ha cercato aiuto dal suo amico degli U2, Bono. Dice: “È stato frustrante. Mi ricordo di aver sentito persone che parlavano di aver perso l’ispirazione. Io sono sempre stato piuttosto prolifico, quindi era strano per me sentirmi così. Mi sono sentito perso ma ho perseverato. Sono sempre stato un gran lavoratore, è una mia caratteristica. Ho un ritmo di lavoro elevato e così mi sedevo al piano senza darmi per vinto. E Bono è una persona a cui faccio riferimento per avere consigli. Non ci vediamo spesso ma ha avuto un sacco di esperienze e anche lui è passato per quello che è successo a me.”

Flowers è andato a trovare Bono nella sua casa a Malibu. E mentre gli dava consigli, il cantante irlandese gli ha chiesto: “Sono state scritte tutte le canzoni?” Quella domanda è diventata il titolo per la canzone finale dell’album.
Wonderful Wonderful è ciò che Flowers descrive come l’album più maturo dei Killers, con un singolo di lancio, The Man, come una presa in giro dell’essere giovani e invincibili.
“Volevo davvero esplorare il significato di essere uomini,” mi dice. “Alcuni si spaventano quando sentono la parola “adulto”, io invece non mi nascondo. Adesso ho 36 anni e ho tre figli.”

Una canzone da ko è Tyson Vs Douglas, che fa riferimento allo storico incontro di boxe del 1990 tra Mike Tyson e Buster Douglas a Tokyo, in Giappone.
“Quell’incontro era importante a casa nostra,” dice Flowers. “Crescendo, la boxe è sempre stata un’esperienza che univa in famiglia. Guardare Tuesday Fight Nights era una routine come lo era andare in chiesa e ha avuto un impatto su di me da bambino.”

“Mio papà e mio zio erano così entusiasti di questo incontro che lo sono diventato anche io. Mike Tyson era una figura rinomata e impenetrabile. Lo ammiravo. Con la sconfitta in quell’incontro e gli eventi seguenti (Tyson è stato trovato colpevole di aver stuprato la diciottenne regina di bellezza Desiree Washington ed è stato condannato a sei anni di prigione nel 1992), ha completamente perso la grazia di Dio. E così ho usato quella storia nella canzone. Credo che molti di noi abbiano eroi e solo dopo capiscono che sono fallibili. Pensa a Tiger Woods, ad esempio.”
Flowers segue ancora la boxe con il suoi tre figli Ammon, dieci anni, Gunnar, otto, e Henry, sei?

“La boxe non è più così in voga come lo era una volta,” dice. “È stata soppiantata dalla UFC e non ne sono un grande fan. The Man è stata usata per promuovere l’incontro tra Conor McGregor e Floyd Mayweather. È stato divertente ma non ce ne stiamo seduti a guardare la boxe come facevo una volta. Ma abbiamo comunque molti momenti per stare tutti assieme in famiglia.” Uno di questo momenti è stato quando Flowers ha portato i suoi figli al loro primo concerto dei Killers a Luglio.
“Sono venuti tutti a vedermi ad Hyde Park, ed è stata una bella cosa. Mi sono sentito bene a sapere che erano lì. Ormai sanno quello che faccio e qual è il mio lavoro.”

Le cose sono state più toste per Flowers un paio di anni fa.
Sua moglie Tana soffre di ansia e depressione ed è stata diagnosticata con un complesso disordine post traumatico da stress a seguito di un’infanzia difficile.
Si è ammalata quando Flowers era in tour per The Desired Effect.
Sei concerti negli Stati Uniti sono stati cancellati ed è corso a casa per stare con la sua famiglia ed aiutare a prendersi cura di sua moglie.

Un certo numero di canzoni in Wonderful Wonderful parlano di questa situazione e Flowers dice che scrivere canzoni personali come Rut, Life To Come e Out of My Mind ha aiutato.
“Le persone si stanno informando sempre di più sulla salute mentale, aumentando la consapevolezza e cambiando il modo in cui la considerano,” aggiunge.
“Non può che essere un’ottima cosa. Credo che anche solo parlarne sia importante. Affrontare la cosa in queste canzoni non è stato facile, ma ne sentivo la forza. Non sono mai stato portato a provare questi sentimenti. Sono stato relativamente indenne. Molti artisti hanno probabilmente avuto un’educazione diversa dalla mia.”

Flowers è orgoglioso di dare credito alla sua fede mormone e alla sua educazione nell’averlo aiutato a superare i momento difficili.
“Mi ha insegnato le basi, ha messo le fondamenta per me. O ci credi o non ci credi” dice.
“Ti viene insegnato. Non mi ci sono ritrovato dentro senza rendermene conto. Mi è chiaro in cosa credo e perché ci credo. C’è stato un momento nella mia vita in cui ho dovuto decidere che strada avrei intrapreso.”

“Credo che aver avuto il nostro primo figlio sia stato forse il punto di inizio. Mi ha reso molto più facile la decisione. Finora sono contento della mia scelta. Non è una cosa culturale per me o semplicemente un modo di vivere. Ci credo veramente.”

Fonte // The Sun

Condividi