USA Today [19-08-2020]

Sì, Brandon Flowers conosce i vostri meme su Mr Brightside.

Per anni, l’internet ha scherzosamente preso di mira l’inno dei Killers del 2003, in particolar modo la ringhiosa frase iniziale, “Coming out of my cage and I’ve been doing just fine.” Ma dall’inizio della pandemia nei primi mesi dell’anno, le battue sono diventate molto più cupe, con le persone che si lamentano di non essere OK. (“Coming out of my cage and going right back in,” dice un recente tweet.)

Leggo qua e là su Twitter. Queste battute sono sempre divertenti,” dice Flowers. Il pacato musicista si è unito al divertimento a Marzo, quando ha condiviso un video a tema COVID mentre cantava e si lavava le mani al ritmo di Mr. Brightside. Peccato che, “non credo che i miei figli si lavino le mani cantando i nostri ritornelli.”

Il 21 Agosto i Killers pubblicheranno il loro sesto album in studio, Imploding the Mirage, che era inizialmente previsto in uscita a Maggio prima di essere posticipato a causa del coronavirus. Nell’album ritroviamo il tipo di rock da stadio della band, con singoli vibranti come Caution, che parla di amore e di uscire dalla propria zona di confort.

Imploding the Mirage è stato ispirato in parte dal trasferimento di Flowers da Las Vegas allo Utah con sua moglie, Tana Mundkowsky, e i loro tre figli. Il frontman ha parlato senza peli sulla lingua delle difficoltà che Mundkowsky ha affrontato a causa di un complesso disordine da stress post traumatico di gioventù, e come abbia ispirato la canzone della band intitolata Rut, dall’album del 2017, Wonderful Wonderful. Il loro rapporto fa parte anche del nuovo album.

La maggior parte di questo album parla del divenire eterni di me e mia moglie, e della domanda, ‘Due possono diventare uno?’” dice Flowers. “Volevo catturare la bellezza della perseveranza. In ‘Wonderful Wonderful’ mi inoltravo nei posti più bui della vita, questo è più celebrativo.

La bellissima copertina dell’album è un dipinto intitolato ‘Dance of the Wind and Storm’ dell’artista Thomas Blackshear. Mostra due figure che si abbracciano nel mezzo di nuvole in movimento, mentre galleggiano su un maestoso orizzonte desertico.

La copertina è stata decisa molto presto, e abbiamo iniziato a stamparla e attaccarla alle pareti dello studio in posti diversi, in modo che potessimo ritrovarla ovunque,” dice Flowers. “È stato un esercizio piuttosto interessante; non l’avevamo mai fatto prima. È diventato un punto di riferimento per me, dove trovare consiglio sui testi e anche su quale sarebbe dovuta essere la trama dell’album.

Imploding the Mirage segna il primo album dei Killers senza il chitarrista/co-fondatore Dave Keuning, che ha lasciato la band nel 2017 per seguire una carriera solista. Ma il batterista Ronnie Vannucci Jr. insiste sul fatto che non scorre sangue amaro tra loro, e dice che si ritroveranno con Keuning in studio questo mese.

La corrente potrebbe star cambiando un po’ per il meglio. I quattro cavalieri corrono di nuovo assieme,” dice Vannucci. “Vedremo come andrà. Invecchiando le priorità cambiano e le persone hanno bisogno di fare delle cose nella propria vita che non includono suonare in una band rock. Lo capisco perfettamente. Credo che un giorno ci guarderemo indietro sapendo che è stata una pausa necessaria per tutti.

Nelle settimane che hanno portato alla pubblicazione di Imploding the Mirage, i Killers sono stati nei titoli di giornale per le accuse di abusi sessuali contro la loro crew in tour nel 2009 da parte di un’ex ingegnere del suono. Dopo una indagine interna, il team legale della band non ha trovato “conferma” di queste accuse.

Vannucci dice che le accuse sono state “una totale sorpresa” per il gruppo, ma “ci hanno fatto pensare ‘Beh, che possiamo fare se succedesse davvero? Si può fare qualcosa per far sentire alle persone che c’è qualcuno con cui parlare o un posto a cui rivolgersi se succedono cose strane nel posto di lavoro?’ Non esiste questa opzione. Sì, ci sono i poliziotti e c’è il management, e ciò dovrebbe bastare. Ma mi piace l’idea di mettere a disposizione una persona esterna responsabile dei rapporti umani. È importante che le persone si sentano al sicuro, ascoltate e apprezzate, quindi se è un passo necessario da fare, lo faremo.”

Come molti altri artisti, i Killers non vedono l’ora di tornare sul palco di fronte ad un pubblico quando sarà sicuro farlo. Ma nel frattempo si mantengono occupati: Flowers dice che la quarantena è stato un periodo piuttosto “fruttuoso” per scrivere, con “nuove canzoni che si aggiungono” ispirate alle sue radici in una piccola cittadina. Ora 39enne, Flowers ha pensato molto di recente al retaggio e ciò che i suoi eroi musicali Bruce Springsteen, Don Henley e Peter Gabriel avevano conquistato a questo punto delle loro carriere.

È un pensiero spaventoso. Inizi a chiederti come stai usando il tuo tempo,” dice Flowers. “Voglio crescere i miei figli ed essere il papà migliore che possono per loro, e il miglior marito che possono con mia moglie. Questi sono gli obiettivi principali, e sarei molto più felice di realizzare questi obiettivi che quelli come scrittore e intrattenitore. Ma sono anche una persona competitiva, così prendo a riferimento le persone che ammiro e che andavano alla grande nei loro 40 anni. Guardo quello che facevano e lo paragono a quello che faccio io. È questo che mi spinge a tornare a sedermi al piano o andare in studio.”

Fonte // USA Today

Condividi