Skip to main content

NME [08-11-2013]

Brandon Flowers descrive il Greatest Hits dei Killers canzone per canzone

News esaltanti per i fan dei Killers! I rocker del Nevada pubblicheranno il loro primo Greatest Hits – intitolato “Direct Hits” – l’11 Novembre. La compilation di 18 canzoni contiene due canzoni nuove di zecca – Just Another Girl, che vede la band ritrovarsi col collaboratore di vecchia data Stuart Price, e Shot At The Night, prodotta da Anthony Gonzalez degli M83. Il leggendario frontman dei Killers Brandon Flowers ha scritto per noi un articolo esclusivo e rivelatore che descrive l’album canzone per canzone e che esplora ricordi del passato:

Mr Brightside

“Ricordo che ero in sala a registrare la demo ma non avevo ancora completato i versi. Stavo rimandando, ed è per questo che la seconda strofa è uguale alla prima, ma alla fine è rimasta quella. Ciò che mi colpisce di più è la potenza che ha tuttora questa canzone, e la seconda strofa è energica esattamente come la prima, ogni volta che la suoniamo. C’è qualcosa di speciale. È un momento eccezionale.”

Somebody Told Me

“Questa canzone ha davvero mostrato tutto il potenziale della band all’epoca. Avevo 20/21 anni e stavo solo cercando di scrivere qualcosa su quello che facevo e vedevo nei nightclub indie di Vegas. Ascoltavo i Pulp e David Bowie, nel tentativo di sfruttare la conoscenza di quella musica. Ed è anche uno dei migliori momenti di Mark al basso. È davvero una grande collaborazione.”

Smile Like You Mean It

“È più malinconica, ma è stata davvero capita da molte persone. Era molto personale, ed è una delle cose più straordinarie della musica: ognuno dà il proprio significato alle canzoni. Credo sia una canzone piuttosto sofisticata considerato il periodo in cui eravamo.

All These Things That I’ve Done

“Nel periodo in cui la stavo scrivendo ero fissato con All That You Can’t Leave Behind degli U2. Pensavo fosse un grande ritorno per loro, ed ero rimasto molto colpito dalla quantità di canzoni straordinarie contenute in quell’album. Negli U2 c’è un’anima spirituale e sincera che stavo cercando di incanalare in quello che scrivevo. Volevo una canzone che potesse spiccare rispetto a quelle. Abbiamo anche copiato il giro di basso da una canzone di David Bowie intitolata Slow Burn, dall’album Heathen… credo che sia passato talmente tanto tempo che forse non ci denuncerà!

When You Were Young

Ammetto che inseriamo molti accordi nelle nostre canzoni, e non c’è necessariamente qualcosa di sbagliato in questo, ma c’è qualcosa di straordinario nella semplicità. When You Were Young è una progressione che si ripete, con un paio di piccole variazioni, ma è stata potente sin dall’inizio e una volta sentita, ho composto la melodia e scelto il titolo nel giro di 20 minuti. È stato uno di quei momenti emozionanti di cui capita ogni tanto di leggere, e sono stato abbastanza fortunato da averne vissuto qualcuno. Questo è stato decisamente uno di quelli. Dal vivo, mi ha tolto un grande peso dalle spalle – eravamo sotto pressione perché Hot Fuss era andato benissimo, e quella canzone è stata un gran sollievo! Sapevo che quella canzone avesse qualcosa di speciale, e sono grato della sua esistenza ogni volta che la suoniamo. Ha alimentato il fuoco dentro di noi, ci ha tenuto in esercizio.

Read My Mind

Amo Read My Mind. Ogni produttore è diverso, ma sono tutti dei leader. Ecco perché abbiamo ingaggiato Flood e Alan Moulder per Sam’s Town – due uomini con una grandissima esperienza e che avevano lavorato su moltissimi album che amiamo, e questo lavoro è stato quello in cui la loro esperienza e la loro leadership sono entrate in gioco in maniera più evidente. Avevamo una canzone intitolata Little Angela, ma non era esattamente Read My Mind. La mia melodia era troppo simile a Mrs. Robinson, il testo non era ottimo, e Alan ha avuto le palle di dirmi “manteniamo questo schema, e scrivici un’altra canzone sopra.” Quindi la canzone è nata da un’improvvisazione che abbiamo fatto su quel vecchio pezzo, e si è andata via via modificando. Quando la suoniamo dal vivo, si vede che significa molto per i fan, ed è decisamente una delle canzoni che le avvicina alla band.”

For Reasons Unknown

“L’abbiamo scritta in viaggio, durante il tour con i Louis XIV. È stata scritta molto velocemente, e ha un carattere insistente per via di questo. L’abbiamo registrata dal vivo, e io suono il basso – è l’unica canzone dei nostri album in cui suono il basso”

Human

“Human è stata controversa all’interno della band molto prima che lo fosse per il resto del mondo! Ha causato alcuni problemi all’interno della band. Non per mettere nessuno sul banco degli imputati, ma praticamente siamo stati io e Dave contro Mark e Ronnie per un po’ di tempo. Stavamo difendendo la canzone. Per me si è trattato di una reazione alle critiche rivolte a Sam’s Town. Questo non vuol dire che è solo una canzone pop per adolescenti – è abbastanza sovversiva e ho sempre pensato che ricordasse molto Bowie. Ma sono andato specificamente in una certa direzione con questa canzone, e la produzione di Stuart Price per questo pezzo è fantastica. Anche la parte di chitarra di Dave – è geniale, e penso che sia stata sottovalutata, perché le persone non si rendono conto che si tratta di una chitarra! È una parte di chitarra davvero fantasiosa e unica.”

Spaceman

“Realizziamo demo in continuazione, e durante il viaggio in Sudamerica abbiamo avuto alcuni di giorni liberi e così siamo andati nella foresta pluviale di Panama. Sull’aereo che ci stava portando lì canticchiavo la strofa, e non vedevo l’ora di buttarla giù e così ho fatto una demo con Ted, il nostro musicista turnista, nella stanza d’hotel a Panama. Quel demo probabilmente non è molto diverso dalla versione finale.”

A Dustland Fairytale

“Questa canzone sono io che non sono in grado di lasciare andare del tutto Sam’s Town! Lo Volevo – Volevo andare in una nuova direzione, e c’erano moltissime sonorità nuove in Day & Age, ma in questa canzone mi stavo davvero aggrappando all’album precedente. Continuo ad amare Sam’s Town, e si può veramente sentire nelle parole e nei sentimenti di questa canzone. È più come un’estensione di Sam’s Town che una reazione ad esso. È uno dei racconti più personali che ho scritto, e sembra che più porto la storia sul personale e più i fan rispondono e si affezionano alla canzone.”

Runaways

“Abbiamo cominciato a lavorarci in tour. Ne ho fatto una versione con Stuart e la mia band solista, ma c’era sempre qualcosa che mancava, e così abbiamo chiamato i pesi massimi – Vannucci, Stoermer, Keuning, Brendan O’Brien e Steve Lillywhite. Un altro eroe di questo pezzo è Alan Moulder, e il suo lavoro di mixaggio. La canzone non è stata all’altezza delle sue potenzialità finché non l’ha mixata lui, ed è stato bello averlo di nuovo a dirigere la scena. Se le persone avvertono che c’è qualcosa di familiare nella canzone è probabilmente per questo. È una canzone potente, ma è stato coraggioso o stupido da parte nostra lasciare che rappresentasse l’ultimo album – il contenuto non è quello che normalmente si sente alla radio, e ci siamo sentiti come se stessimo tentando la sorte, ma abbiamo fatto la scelta giusta.”

Miss Atomic Bomb

“Abbiamo lavorato con così tanti produttori in Battle Born, e a un paio di loro questa canzone non piaceva. È stata messa da parte finché non l’ho risentita mentre passavo in rassegna le demo alla fine dei lavori per l’album. Mi piaceva e ho voluto sostenerla…così ne abbiamo tirato fuori il meglio che abbiamo potuto! È la compagna di Mr Brightside.”

The Way It Was

“Con il senno di poi, questa canzone probabilmente avrebbe dovuto essere un singolo. Questo è quello che probabilmente sarà scritto sulla sua lapide! Quando la suoniamo dal vivo e parte il riff di Dave, è magico. La amiamo tutti, ecco perché è qui.”

Shot At The Night

“È molto spontanea, ed è di classe. Non è volgare, e questa è un’altra cosa che mi piace. L’ho scritta in Australia, durante il Battle Born tour. È abbastanza diversa dai contenuti di Battle Born, quindi mi ci devo ancora abituare del tutto. Ma sono contento che stia guidando Direct Hits, perché è ciò che siamo – non ci siamo mai soffermati su una cosa sola, perché è proprio soffocante. Ne sono orgoglioso. Ci sono 50 o 60 anni di musica rock là fuori, e ce ne piace così tanta. Quindi è un altro sapore per noi. Mi piace davvero, sono proprio entusiasta.”

Just Another Girl

“Questa l’abbiamo fatta con Stuart Price, che è diventato come un fratello per me: lavoriamo bene insieme, e io rimango sempre impressionato dalla sua musicalità e dal suo gusto. Ha uno stile diverso rispetto a Shot At The Night, è più narrativa. Sei “nella” canzone in un modo diverso.”

Mr Brightside (Original Demo)

“Mi ricordo di quando abbiamo fatto la demo, e io ero ingenuo su tutto. Abbiamo fatto girare la demo, e ricordo una ragazza che lavorava in uno dei negozi di dischi di Las Vegas che mi disse “Oh, Mr Brightside, dovrebbe essere il vostro primo singolo.” Non avevo avevo mai considerato prima quella parola. Era più lontana nella strada rispetto al punto in cui mi trovavo con i pensieri a quei tempi. Ma qualcosa è successo quando l’ho sentita dire quella cosa. Ho capito che dovevo tirare fuori gli attributi, che dovevo andare nella giusta direzione!”

When You Were Young (Calvin Harris Remix)

“Non so molto di chi fa i remix, ma so che Calvin è uno di quelli di più successo, e ha scelto questa canzone per farci un remix. È strano incontrare queste persone di cui hai letto o che hai visto nelle pubblicità, e ti raccontano dell’impatto che Hot Fuss o Sam’s Town hanno avuto su di loro, e lui è un grande fan di questi album.”

Be Still

“In questo clima in cui ci troviamo, o in qualsiasi altro modo vogliate chiamarlo, le persone selezionano e scelgono delle canzoni, e penso che nella confusione del processo qualche volta non sanno dell’esistenza di certe canzoni. Questo è un pezzo di cui siamo molto fieri e che amiamo, così abbiamo ritenuto che avrebbe avuto più possibilità se l’avessimo messo nella raccolta.”

Fonte // NME

Condividi